HOME

!!!Disclaimer da leggere con attenzione!!!

ARCHIVIO NEWS ANNO 2014

ARCHIVIO NEWS 1/1/2015 - 31/05/2015     -    
ARCHIVIO NEWS 1/6/2015 - 31/12/2015

© 2014/2015/2016 - Tutti i diritti relativi alle news sono riservati. Vietata la riproduzione. Obbligatorio citare la fonte per esteso come segue:
"METEOVESUVIO - http://meteovesuvio.altervista.org - Avv. Giuseppe D'Aniello"

ANNO 2016

28/06/2016 TERREMOTI CALDERA VULCANO ROCCAMONFINA
Ore 7.40
Precisiamo che gli eventi visibili sui tracciati delle reti sismiche del Vesuvio occorsi in mattinata, sono stati localizzati in area caldera vulcano Roccamonfina con mtd di 3.5, 2.4 ed 1.6 e profondità, rispettivamente di 7, 2 e 24KM (dati
CNT). Il vulcano è inattivo da circa 50mila anni.
Nella giornata di ieri abbiamo aggiornato alcuni grafici presenti in home relativi ai terremoti del Vesuvio (al 26/06/2016).


20/06/2016 SOSPENSIONE AGGIORNAMENTO GRAFICI E DATI SISMICITA' PER PROTESTA
Ore 20.15

AVVISO IMPORTANTE AGLI UTENTI

IL GESTORE DEL SITO COMUNICA CHE FINO A QUANDO INGV NON FARA' CHIAREZZA SULLO SCANDALO CATALOGAZIONI EVIDENZIATO NELL'ARTICOLO DEL 12/06/2016, SARANNO SOSPESI TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DEI GRAFICI E DELLE NEWS RELATIVE ALLE CATALOGAZIONI DEI TERREMOTI DEI VULCANI CAMPANI .

 INOLTRE AVVISA GLI UTENTI CHE, SEMPRE IN RAGIONE DI QUANTO SOPRA, I GRAFICI, LE MAGNITUDO E TUTTO QUANTO RIGUARDA LA SISMICITA' E DATI ASSOCIATI AI PREDETTI TERREMOTI CUI SI FA RIFERIMENTO IN QUESTO SITO WEB  DEBBONO ESSERE LETTI TENENDO IN DEBITA CONSIDERAZIONE CHE POTREBBE TRATTARSI DI DATI NON CORRETTI.

CI DISPIACE PER IL DISSERVIZIO MA CI SEMBRA RISPETTOSO DEI CITTADINI VESUVIANI E DEGLI UTENTI TUTTI FORNIRE DATI CERTI ED UFFICIALI

AVV. GIUSEPPE D'ANIELLO

16/06/2016 TERREMOTO AL VESUVIO - INGV IN UN SILENZIO CHE FA TROPPO RUMORE
Ore 18.00
Interveniamo brevemente per segnalare ai visitatori un terremoto registrato nella notte, precisamente, alle ore 21.23.09 sec. circa UTC, corrispondenti alle ore 23.23.09 secondi circa ora locale. Dopo la Ns. news del 12/06/2016,  INGV OV Napoli ha settato il segnale web di BKEV ad 8 GAIN (da 16) e VCNE a 256 (da 128). Dunque, parametri nuovi che non ci consentono di valutare, molto sommariamente, l'intensità dell'evento. Tuttavia, il terremoto in parola è ben visibile anche su OVOHHZ, cosa che accade, in genere, solo per eventi più energetici. Attendiamo la catalogazione di INGV OV cui non sappiamo, nelle more dell'atteso chiarimento, quale valenza attribuire.

La cosa incredibile è che INGV nazionale terremoti cataloga altro
evento (ore 22.23.32 UTC) successivo quasi impercettibile sul tracciato attribuendogli una mtd pari a 0.4 mentre non cataloga quello più energetico. Mistero.

Il silenzio di INGV sulla Nostra news clamorosa delle divergenti catalogazioni dei terremoti, è un silenzio che fa rumore, molto rumore.

Lor signori di INGV hanno più volte, come fanno sempre (si perché siamo molto "sorvegliati"), controllato il Nostro sito web in questi giorni, leggendo perbene l'articolo.

Abbiamo teso una mano ad INGV ed al sezionale di Napoli OV, chiedendo un pubblico intervento teso a chiarire la vicenda.
Niente.
I Vesuviani non meritano alcun chiarimento.

Il personale di INGV OV, dal primo dirgente, all'ultimo dei ricercatori, non vuole comprendere che è sottoposto a precise norme civili e penali, in quanto dipendenti pubblici. Soprattutto, aggiungiamo, su una questione così importante essendo INGV OV l'organo preposto alla salvaguardia di migliaia di vite umane quale unico referente scientifico della Protezione civile sullo stato dei vulcani campani.

Per ora, a quanto pare, non intendono far chiarezza in via "amichevole".

Bene.
Vi lascio al sismogramma del terremoto, cerchiando in blu quello catalogato da INGV Nazionale. Sono presenti altri micro segnali sismici dopo l'evento cerchiato in blu ma sembra trattasi di tuoni per temporali notturni.
Ultima annotazione.
Da ieri mattina sono disponbili i bollettini settimanali dello Stromboli e dell'Etna al 14 giugno.
Al momento in cui scriviamo, non vi è traccia di quello dei Flegrei.




12/06/2016 IL CATALOGO SISMICO DEL VESUVIO CONTERREBBE GRAVI INCONGRUENZE SULLE PROFONDITA' E MAGNITUDO ASSEGNATE AI TERREMOTI
Ore 17.00

Link all'articolo esclusivo

10/06/2016 INGV OV RILASCIA IL BOLLETTINO MENSILE UFFICIALE

Dalla lettura del bollettino mensile ufficiale dei vulcani campani non emergono dati significatimente differenti dai trends in atto.


Il Vesuvio dorme tranquillo, senza alcuna variazione significativa in tutti i parametri monitorati. Quelle poche variazioni visibili ad esempio nei dati della fumarola di bordo cratere monitorata con stazione in continuo solo dal novembre 2015, sono dovute a fattori stagionali ed atmosferici. Deformazioni del suolo? Così si legge nel bollettino: "
un’assenza di deformazioni riconducibili a sorgenti vulcaniche"(pag.1 primo perido).
Nessun evento LP, LF o VLP, nessun tremore viene riportato nel bollettino ufficiale e, dunque, nessuno di questi eventi si è verificato al Vesuvio nel mese di Maggio 2016. Non lo diciamo Noi, ma è il bollettino, ripetiamo, a dirlo in quanto documento ufficiale rilasciato da INGV OV.
Mancano i dati clinometrici, gravimetrici. Nulla si sa di quelli geochimici e termali delle falde e dei pozzi.

Sparse qua e la troviamo le clausole di salvaguardia circa l'interpretazione di alcuni valori, tipo quelli relativo alla geochimica del Vesuvio: "
In conclusione le indicazioni fornite dalla geochimica dei fluidi sono di una sostanziale stabilità dei trend precedentemente osservati con variazioni di lieve entità ed ancora non chiaramente interpretabili" (pag. 5 ultimo periodo).

I Campi Flegrei mostrano sempre le anomalìe in atto ad alcuni anni ormai.
Si parla ancora di un possibile massimo di valori raggiunto dalle anomalìe dei dati nel periodo 2013-2014.
 Noi dai grafici rileviamo che la CO e la temperatura di equilibrio CO-CO2 delle fumarole della Solfatara sono su nuovi massimi; inoltre, il 5 maggio ai Pisciarelli c'è stato un picco assoluto di massimo della temperatura arrivata a ben 117,6 gradi celsius.

Rimandiamo alla lettura del bollettino.

Ci segnalano che alcune app ed il sito INGV nazionale terremoti riportano un evento con mtd 1.5, prof. 4,6km ed epicentro Vesuvio, registrato alle ore 02.21.02 secondi ora locale di questa notte. In realtà ribadiamo che, per quanto ci riguarda, fa fede la catalogazione che verrà poi pubblicata da INGV OV su Plinio, catalogo ufficiale dal quale INGV trae i dati sismologici che pubblica nei bollettini ufficiali.  Dal sismogramma reso disponibile da INGV OV Napoli l'evento sembrerebbe di mtd minore ed appena visibile sul tracciato. Tuttavia,  attendiamo la catalogazione di OV.
 
09/06/2016 CATALOGATI TERREMOTI VESUVIO - ASSEGNATA MTD 0.9 ALL'EVENTO CATALOGATO CON MTD 1.6 DA INGV ROMA
Ore 18.45
Come ampiamente anticipato nella Nostra news del 6/6/16, INGV OV Napoli ha catalogato in maniera del tutto diversa l'evento del 5/6/16
accaduto alle ore 23.48.16 così catalogato da INGV Nazionale Terremoti: mtd 1.6  secondi UTC,  con epicentro Vesuvio (Ercolano) e profondità 2,6km (vedi link). OV cataloga l'evento con mtd 0.9, profondità 0.17Km ed epicentro area craterica (lato sud). Ovviamente fa fede la catalogazione INGV OV Napoli.
Notiamo una discrasia tra il numero di eventi catalogati da inizio mese (15) e quelli risultanti dalla numerazione anno su anno (12 sempre da inizio mese). Crediamo si tratti di un errore da inserimento nel database. Prendiamo per buono il numero di 15 risultante dall'elenco che segue.
Abbiamo aggiornato i nostri grafici in home.
Ma eccovi le catalogazioni complete periodo 1-8 giugno (catalogo Plinio):
Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/06/08 16:43:04 0.3 40.8177 14.4312 0.48
2016/06/08 03:35:51 0.4 40.8235 14.4213 0.30
2016/06/07 06:45:58 0.0 40.8158 14.4280 0.24
2016/06/07 01:12:52 -0.1 40.8172 14.4298 0.11
2016/06/05 23:48:17 0.9 40.8172 14.4280 0.17
2016/06/03 18:29:15 0.0 40.8190 14.4312 0.47
2016/06/03 18:29:02 -0.4 40.8172 14.4257 0.02
2016/06/03 03:41:43 0.1 40.8265 14.4268 0.54
2016/06/02 15:58:57 -0.1 40.8185 14.4178 0.26
2016/06/02 15:58:19 0.4 40.8235 14.4228 0.11
2016/06/01 18:25:13 0.2 40.8168 14.4283 0.31
2016/06/01 17:39:09 0.1 40.8182 14.4318 0.09
2016/06/01 05:51:10 -0.1 40.8185 14.4275 0.28
2016/06/01 00:19:01 1.0 40.8182 14.4245 0.23
2016/06/01 00:10:38 0.2 40.8215 14.4317 0.12


09/06/2016 INGV OV PUBBLICA IL BOLLETTINO SETTIMANALE DEI FLEGREI AL 7 GIUGNO
Ore 13.00
In mattinata pubblicato, con più solerzia del solito, il settimanale dei Flegrei. Segnalati 12 eventi registrati tra il giorno 3 e 4 giugno, di cui 11 tra la sera del 3 e la prima mattinata del 4. Tuttavia non si parla di sciame. Catalogati 5 eventi con epicentro ed ipocentro.
Il sollevamento del suolo conferma il ritmo di crescita degli ultimi mesi.
Nessuna informazione sulla geochimica e temperatura delle fumarole. Continua l'assurdo gap di completezza tra il bollettino flegreo e quello di Stromboli ed Etna.
Link al bollettino.


08/06/2016 ONLINE I BOLLETTINI SETTIMANALI INGV PER STROMBOLI ED ETNA - A QUANDO QUELLO DEI FLEGREI?
Continuiamo a segnalare l'assurda ed inconcepibile differenza con cui INGV pubblica i bollettini settimanali per i vari vulcani monitorati. Da ieri pomeriggio sono disponibili quelli di Stromboli ed Etna a questo link.
Ricordiamo che anche per i Flegrei dovrebbe esserci la tempestiva pubblicazione. Inoltre il bollettino dei flegrei settimanale è molto, molto piu scarno e povero di informazioni rispetto a quello di Stromboli ed Etna. Basta un rapido confronto per rendersene conto!!!

Tuttavia il bollettino settimanale dei flegrei viene pubblicato sempre con notevole ritardo ed è scarno mancante del tutto, ad es., dei dati geochimici/termici.

Perché? Cosa fa il Dipartimento di Protezione civile? E il Ministro perché non interviene?

Noi stiamo ancora aspettando che il DPC ci invii rendiconti sulle attività primo e secondo semestre 2015, alla faccia della Nostra vittoria legale!!!
Vergognoso!

Si perpetua una gestione assolutamente inefficiente della sezione INGV di Napoli.

Rammento a Lor signori di INGV Napoli che sono dipendenti pubblici pagati dai cittadini e che sono soggetti a normativa anche penale che tutela i diritti ed interessi dei cittadini esposti, tra l'altro, a concreto pericolo di vita.

Con l'emanazione anche del FOIA, ma già anche sulla scorta della Legislazione esistente, sussistono ulteriori specifici ed inderogabili obblighi in capo agli uffici ed enti pubblici.


Pubblichiamo a questo link un Nostro articolo polemico con la popolazione vesuviana e flegrea.

06/06/2016 BOLLETTINO SETTIMANALE FLEGREI AL 31 MAGGIO : CONFERMATI 7 PICCOLI TERREMOTI
Ore 16.00 Aggiornamento
Riguardo al terremoto che alcune app segnalano, presente sul sito INGV Nazionale Terremoti, di mtd 1.6 accaduto alle ore 23.48.16 secondi UTC,  con epicentro Vesuvio (Ercolano) e profondità 2,6km, precisiamo che dovrebbe trattarsi di un piccolo evento visibile sul tracciato; la catalogazione dovrebbe essere molto sovrastimata. Questo secondo Nostre osservazioni che si basano su decenni di catalogazioni. Non è la prima volta che assistiamo a differenti valutazioni tra INGV Roma e Napoli e pertanto ribadiamo che l'unica catalogazione ufficiale è quella data da INGV Napoli Osservatorio Vesuviano che, ad oggi, è ferma al 31 maggio 2016 non perché non ci siano stati terremoti nel frattempo ma solo per il cronico ritardo con cui INGV Napoli cataloga i terremoti.

Ore 12.30

INGV OV rilascia con ritardo il bollettino
settimanale al 31 maggio. Domani dovrebbe essere pubblicato quello al 7 giugno, se solo fossero rispettati i medesimi tempi che vengono rispettati per lo Stromboli.
Tra l'altro vi è una differenza abissale tra i due bollettini in termini di completezza e trasparenza dei dati.
Ripetiamo la domanda: meritano più rispetto ed attenzione centinaia di migliaia di cittadini flegrei o i pochi abitanti dello Stromboli? Come si spiega questa differenza visto che è sempre INGV, tramite i rispettivi sezionali, ad emettere i bollettini?
Ma ai cittadini Flegrei le cose vanno bene così, evidentemente.
Mentre scrivavamo l'articolo, OV cataloga altri eventi dello sciame, quelli per cui è stato possibile determinare mtd, ipocentro e profondità. Riviste leggermente le profondità dei due eventi già catalogati di mtd 1.5 ed 1.6, così come gli epicentri, in zona via Napoli, sud/ovest Solfatara. Confermati sostanzialmente gli altri eventi da Noi segnalati facenti parte dello sciame.
Eccovi le catalogazioni INGV OV:
Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/06/04 04:26:14 0.2 40.8222 14.1323 1.40
2016/06/04 02:45:59 1.6 40.8242 14.1313 2.12
2016/06/04 02:38:53 1.5 40.8217 14.1342 2.27
2016/06/03 21:44:17 0.8 40.8227 14.1308 1.11
2016/06/03 19:09:46 0.4 40.8203 14.1350 1.34




04/06/2016 SCIAME SISMICO AI FLEGREI NELLA NOTTE CON DUE EVENTI DI 1.5 ED 1.6 DI MTD
Ore 10.00
INGV OV cataloga altri terremoti registrati ai Flegrei, tra cui quelli da Noi segnalati nelle varie news. Eccovi le catalogazioni:


Ore 7.15

Avevamo richiamato l'attenzione dei lettori sui Campi Flegrei con l'articolo del 28 maggio sui precursori dell'ultima eruzione e con l'articolo di ieri sera sugli input magmatici in atto.

Subito dopo la pubblicazione dell'articolo avevamo notato qualche evento sui sismogrammi della stazione di Pozzuoli e li avevamo prontamente segnalati. Un altro evento era stato registrato alle ore 23.44.20 secondi circa. Nella notte, precisamente alle ore 04.38.53 e 04.45.59 ora locale sono stati registrati altri due terremoti con mtd di 1.5 ed 1.6, profondità 2km ed epicentro a sud della Solfatara. Uno in mare, di fronte via Napoli, zona Accadamia Militare dell'Aeronatutica.
Questi due ultimi eventi sono stati catalogati da INGV mentre per gli altri ancora non si dispone della catalogazione.
Riportiamo i sismogrammi degli eventi, dove abbiamo evidenziato anche probabili eventi minori.

Vi aggiorneremo nel corso della giornata in caso di ulteriori sviluppi.

Per chi volesse approfondire il tema dei Flegrei, in home abbiamo evidenziato apposita sezione con gli articoli più rilevanti sul super vulcano campano. Fra tutti segnaliamo questo Nostro articolo basilare:
L'ERUZIONE ATTESA AI FLEGREI - DOVE SI APRIRA' LA NUOVA BOCCA? - I LIVELLI DI ALLERTA ED I TEMPI- TSUNAMI - ERUZIONE MULTIPLA
Ricordiamo che INGV OV non ha ancora pubblicato il bollettino settimanale al 31 Maggio. Quel bollettino scarno se confrontato con quello dello Stromboli!!! (vedasi news del 10/05/2016).
Sismogramma e catalogazioni INGV OV Napoli:



Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/06/04 02:45:59 1.6 40.8233 14.1352 2.00
2016/06/04 02:38:53 1.5 40.8170 14.1358 2.00

03/06/2016 SEMINARIO SUI CAMPI FLEGREI: INPUT MAGMATICI GENERANO ANOMALIE IN ATTO
Link per lettura articolo.

Ore 23.00 - Aggiornamento
Probabili terremoti di bassa magnitudo in serata ai Flegrei. Pur nel complicato sismogramma reso disponibile da INGV OV di Napoli, molto disturbato, riteniamo che in serata, alle ore 21.09.47 (ora locale) secondi circa ed un minuto prima anche, si sono verificati dei probabili piccoli terremoti. Ripetiamo che si tratta di mere supposizioni che attendono la conferma INGV OV. Postiamo il sismogramma con Nostra consueta evidenziazione dei probabili eventi:





01/06/2016 AGGIORNAMENTO MENSILE TERREMOTI VESUVIO E GRAFICI

Nel mese di maggio registrati 89 terremoti. Da inizio anno il numero sale a 444 con proiezione predittiva a circa 1100* eventi (si corregge il dato precedente errato).
La somma magnitudo annuale sale a poco piu di 100.
Dalle catalogazioni notiamo come l'evento da noi segnalato di ieri ha avuto una magnitudo di 0.6, vs una Nostra approssimativa valutazione di circa 1.5. Le profondità assegnate da INGV OV non superano, se non in pochi casi (circa 2km), un km di profondità. Per il resto rimandiamo alle news precedenti.
Aggiornati tutti i Nostri grafici mensili della sismicità in home. Attendiamo il bollettino per ulteriori valutazioni ed i dati mensili della geochimica delle fumarole monitorate e relativi grafici.

 Ci piace mostrarvi un raffronto tra due terremoti e le relative catalogazioni. L'evento di ieri in rosso con mtd 0.6 e profondità a 0.35Km, area cratere e quello del 27 maggio (in giallo) con mtd 1.0, profondità 0.19KM (quindi ancora più superficiale) ed epicentro cratere.
Ovviamente si tratta della medesima stazione BKEV come da sismogramma originale senza alcuna variazione dimensionale Nostra.


Eccovi le catalogazioni periodo 26-31 maggio (catalogo Plinio http://www.ov.ingv.it):

Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/05/31 23:17:16 0.2 40.8277 14.4353 0.42
2016/05/31 14:21:49 0.6 40.8153 14.4250 0.35
2016/05/30 22:13:40 -0.2 40.8185 14.4333 0.11
2016/05/30 21:49:52 0.3 40.8190 14.4235 0.13
2016/05/30 15:53:57 0.2 40.8150 14.4333 0.26
2016/05/29 11:12:52 0.5 40.8168 14.4323 0.04
2016/05/28 22:08:48 0.0 40.8200 14.4345 0.13
2016/05/28 18:20:60 0.2 40.8203 14.4293 0.34
2016/05/28 07:28:22 0.0 40.8187 14.4255 1.01
2016/05/28 05:44:48 -0.2 40.8198 14.4257 0.21
2016/05/28 03:06:32 -0.4 40.8192 14.4310 0.13
2016/05/28 03:04:16 -0.1 40.8153 14.4308 0.24
2016/05/27 23:15:57 -0.1 40.8203 14.4305 0.11
2016/05/27 23:10:45 0.1 40.8195 14.4323 0.14
2016/05/27 00:04:03 1.0 40.8190 14.4292 0.19
2016/05/26 23:18:22 0.1 40.8173 14.4322 0.07
2016/05/26 08:56:30 0.2 40.8185 14.4190 0.29
2016/05/26 00:36:41 -0.1 40.8183 14.4338 0.06


31/05/2016 TERREMOTO VESUVIO
Segnaliamo un terremoto registrato al Vesuvio pochi minuti fa.
Sulla scorta di precedentti osservazioni, in via del tutto approssimativa,  in attesa della catalogazione di INGV OV Napoli fermo al 25 maggio, ci sembra che l'evento possa avere una mtd intorno ad 1.5.
Per la catalogazione ufficiale rivolgersi ad INGV Napoli O.V. che dispone delle catalogazioni in tempo reale. Numero di telefono: 081 6108300 - mail: [email protected]

Sismogramma evento (abbiamo evidenziato in rosso il terremoto):



30/05/2016 AGGIORNAMENTO TERREMOTI VESUVIO E FLEGREI
INGV OV cataloga i terremoti registrati al Vesuvio al 25 maggio.
Confermato lo sciame del 25 maggio da Noi segnalato ed assegnate mtd, ipocentri e profondità differenti ai terremoti catalogati dalla sala sismica INGV di Roma. Un evento ha avuto mtd di 1.7, uno di 1.4; ipocentri in area craterica e profondità superficiali a meno di 1KM. Giusto per farvi comprendere del perché siamo così scettici quando le catalogazioni provengono da INGV Roma, l'evento presente su INGV Nazionale di mtd 1.0 del 25/05/2016 è stato catalogato da INGV Napoli OV con mtd pari a 0.1.

Abbiamo aggiornato i grafici in home.

Ma eccovi le catalogazioni:

Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/05/25 23:08:02 0.0 40.8205 14.4338 0.05
2016/05/25 23:05:01 -0.1 40.8180 14.4280 0.24
2016/05/25 19:33:02 0.3 40.8213 14.4302 0.07
2016/05/25 19:26:15 0.3 40.8210 14.4340 0.10
2016/05/25 19:06:42 0.3 40.8202 14.4302 0.02
2016/05/25 17:48:23 0.1 40.8193 14.4333 0.15
2016/05/25 15:49:39 0.8 40.8212 14.4260 0.70
2016/05/25 15:45:35 0.1 40.8193 14.4328 0.06
2016/05/25 15:45:05 0.1 40.8200 14.4277 0.08
2016/05/25 15:44:31 0.2 40.8207 14.4287 0.02
2016/05/25 14:35:12 0.3 40.8178 14.4325 0.34
2016/05/25 14:32:08 1.7 40.8195 14.4330 0.82
2016/05/25 00:52:03 1.4 40.8188 14.4287 0.66
2016/05/23 23:49:33 -0.1 40.8157 14.4250 0.46
2016/05/21 14:40:39 -0.2 40.8188 14.4360 0.81
2016/05/21 04:28:27 0.2 40.8160 14.4238 0.73
2016/05/20 05:01:39 0.1 40.8198 14.4353 0.48
2016/05/19 01:35:44 1.7 40.8163 14.4277 0.55
2016/05/18 20:58:45 -0.1 40.8195 14.4230 0.19
2016/05/18 20:47:29 0.4 40.8150 14.4218 0.95
2016/05/17 01:55:27 0.9 40.8207 14.4228 0.80
2016/05/16 18:09:47 0.8 40.8227 14.4123 0.91

Flegrei
Catalogati due eventi del 27 maggio. Noi abbiamo il relativo sismogramma.


28/05/2016 PRECURSORI E CRONACA ULTIMA ERUZIONE DEI CAMPI FLEGREI: L'ERUZIONE DEL MONTE NUOVO DEL 1538

Link all'articolo

26/05/2016 AGGIORNAMENTO SCIAME
Ore 7.30
Dalla tarda serata non sono più visibili eventi sui sismogrammi. Lo sciame sembra essersi dunque concluso con gli ultimi eventi segnalati ieri sera.
Al Vesuvio, periodicamente, vengono registrati sciami e dunque, per quanto possibile osservare, non sembra sussistere alcuna anomalìa rispetto ad episodi simili occorsi nei mesi/anni precedenti.
Si attende la catalogazione di INGV Napoli - OV.

25/05/2016 TERREMOTO MATTUTINO AL VESUVIO CATALOGATO DA INGV ROMA - INTANTO O.V. RIPRISTINA IL GAIN A 128 DELLA VCNE E RISOLVE IL GUASTO ALLA BKE - BOLLETTINO FLEGREI

Ore 21.40
Prosegue lo sciame con piccoli eventi al Vesuvio.
Eccovi il sismogramma degli eventi registrati poco fa:



Ore 18.00
Sciame in atto al Vesuvio.
Un nuovo terremoto catalogato con mtd 1.4 dalla sala sismica INGv Roma registrato alle ore 16.32.08 secondi ha dato il via ad un piccolo sciame sismico. L'evento di mtd 1.4 è stato coperto dal disturbo causato dal bus turistico in passaggio in zona BKE mentre è visibile limpidamente su VCNE grazie anche al nuovo settaggio a GAIN 128.
Al momento contiamo circa nove piccoli eventi.
Seguiteci per aggiornamenti.
News in fase di scrittura.

Ore 15.00

Un terremoto di mtd 1.4, profondità 2km, epicentro zona Ercolano-San Giorgio compare nel catalogo nazionale terremoti INGV.
L'evento è stato registrato alle ore 2.52.02 secondi ora locale. Tuttavia non è ancora in catalogo Plinio OV. Di seguito il sismogramma come registrato da VCNE (ancora a 64 gain):



Da poche ore, OV ha settato, come da Noi richiesto, la stazione VCNE a 128 GAIN consentendo, così, la visualizzazione sul sismogramma web pubblicato anche di eventi minori altrimenti non visibili a causa del guasto che ha interessato BKE per alcuni giorni e del cronico problema del bus turistico. Ad ogni modo, da poche ore è stato riparato il guasto a BKE che ora risente solo, come sempre, del passaggio del bus turistico.
Flegrei
Nel frattempo, dalla pubblicazione del bollettino flegreo al 17 maggio, emerge il persistere del trend al rialzo con accentuazione in aprile. Nessun terremoto nella settimana 10-17 maggio. A breve dovrebbe essere pubblicato quello settimanale al 24 maggio. Catalogati alcuni eventi ai flegrei.


21/05/2016 LA SISMICITA' NOTTURNA DEL VESUVIO - NUOVO STUDIO DEL 2016 E NOSTRO CONTRIBUTO

In questo articolo affrontiamo il tema della sismicità notturna fatta registrare dal Vesuvio - Da non perdere, con nostro contributo e tabelle. Studio esclusivo ottenuto dal gestore del sito.


19/05/2016 TERREMOTO AL VESUVIO NELLA NOTTE - PROBABILI EVENTI AI FLEGREI - NUOVO GRAFICO IN HOME
Ore 7.45
Alle ore 2.35.44 sec. circa, ora locale, è stato registrato un terremoto al Vesuvio. La mtd sembra essere, sulla scorta di precedenti osservazioni, intorno a 1.5. Attendiamo la catalogazione OV. Sembra possa scorgersi qualche piccolo evento notturno anche ai Flegrei dopo quello di ieri notte catalogato con mtd 0.6.
Intanto, in home page, abbiamo inserito un nuovo grafico che mostra la profondità dei terremoti del Vesuvio dalla fine 1998 all'attualità, con linea di tendenza che mostra, molto chiaramente, come essi siano sempre più superficiali. Abbiamo anche riportato la zona dove si registrano gli eventi a bassa frequenza ed i tremori (4-6km), secondo gli studi ottenuti.
Annunciamo che abbiamo ottenuto un nuovo studio sulla sismicità del Vesuvio che stiamo esaminando e su cui torneremo a breve.
Intanto il Governo vara un decreto legislativo sulla trasparenza che pone nuovi stringenti obblighi in tema di divulgazione e trasparenza. Torneremo anche su questo.

Rimettiamo sismogramma evento Vesuvio.

 

17/05/2016 CATALOGATI TERREMOTI VESUVIO AL GIORNO 16 - CONFERMATO LO SCIAME DA NOI SEGNALATO OCCORSO IL GIORNO 13 MAGGIO
Ore 19.15
INGV OV cataloga più celermente del solito (e la cosa non può che essere accolta favorevolmente) i terremoti registrati al Vesuvio dal 12 al 16 maggio. Notiamo la conferma dello sciame che avevamo segnalato nella Nostra news del 13 maggio. Confermato anche l'evento dell'una di notte circa.
Quanto allo sciame si è trattato di circa 9 eventi di bassissima magnitudo con epicentro in area craterica ed ipocentro molto superficiale (meno di 500 metri di profondità). Per 6 di essi è stato possibile determinare anche profondità ed ipocentro, come da catalogazione che segue.
Aggiornati tutti i nostri grafici in home.
Da inizio anno siamo a 404 terremoti.
Seguono le catalogazioni INGV Napoli:
Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/05/16 18:09:47 0.8 40.8227 14.4123 0.91
2016/05/13 01:00:30 0.0 40.8217 14.4283 0.31
2016/05/13 00:22:47 0.2 40.8212 14.4260 0.07
2016/05/13 00:13:40 0.4 40.8200 14.4215 0.19
2016/05/13 00:05:29 -0.2 40.8243 14.4232 0.17
2016/05/13 00:04:15 0.2 40.8218 14.4235 0.22
2016/05/13 00:03:18 0.2 40.8228 14.4262 0.32
2016/05/12 20:12:48 0.1 40.8210 14.4265 0.75
2016/05/12 05:45:47 0.4 40.8237 14.4245 0.13


15/05/2016 NUOVO ARTICOLO METEOVESUVIO: IL LENTO CEDIMENTO DEL GRAN CONO DEL VESUVIO -
NUOVI GRAFICI VESUVIO IN HOME

A questo link disponibile il nuovo articolo esclusivo MeteoVesuvio sul cedimento del Gran Cono del Vesuvio.

Inseriamo in home due nuovi grafici. Si tratta della somma delle magnitudo mensili relativi ad alcuni periodi.

Di particolare interesse la somma delle mtd mensili relativa ai periodi 1999/2001 e 2013/2016. Abbiamo dovuto sacrificare qualche periodo per esigenze di rappresentazione grafica. In ogni caso possiamo affermare che tutta la sismicità anni 2002/2012 (omessa nel grafico) è stata di modesta entità e, pertanto, non rilevante per quanto rileva qui. Per inciso, nel periodo 2001/2003 furono registrate rilevanti anomalie nella geochimica delle fumarole, delle acque sottorranee e dei pozzi, nonostante la bassissima sismicità.
Ricordiamo sempre che nel 1999 il Vesuvio entrò in crisi: non solo sismica. Esiste, oggi, ampia documentazione a riprova di quanto detto. La sismicità del periodo fu molto rilevante e "significativa"; questo è da tenere presente quando si confrontano i dati 1999/2000 con quelli degli anni successivi.
Preannunciamo la pubblicazione di un nuovo articolo in giornata su cui stiamo lavorando.



13/05/2016 NOTA DEL COMMISSARIO DR. MARCELLO MARTINI SULLO STATO DEL VESUVIO - NUOVO GRAFICO
Ore 19.00
E' comparso da poche ore il seguente comunicato sul sito INGV OV (abbiamo omesso i grafici per motivi di formattazione testo):


"
Grazie alla rete di monitoraggio sismico dell’Osservatorio Vesuviano, la cui sensibilità consente di registrare eventi di bassissima energia, nell’area vesuviana sono rilevati centinaia di eventi sismici l’anno. La media annuale di eventi rilevati tra il 2000 ed il 2016 è stata variabile, con un minimo di 368, un massimo di 1343 ed una media complessiva, per tutto il decennio, di oltre 500 eventi simici l’anno.
Come è evidente dal grafico sotto riportato, l’energia dei terremoti registrati nell’area vesuviana è stata variabile, ma comunque bassa. Tra il 2000 ed il 2016 solo pochi eventi hanno superato magnitudo 3.0, che è comunque un indice di bassa energia. Questo è coinciso con un periodo di maggiore attività sismica, verificatasi tra il 1999 ed il 2000, in cui fu anche registrato un evento di magnitudo 3.6. Viceversa, anche in periodi di minore attività sono stati registrati eventi con magnitudo compresa tra 2.0 e 3.0.

A tale attività sismica non sono ad oggi associate altre fenomenologie rilevate dalle rete di monitoraggio che possano far risalire ad una dinamica di “risveglio” del Vesuvio. In particolare non mostrano fenomeni o variazioni significative le deformazioni dell’area, rilevate costantemente dalla rete GPS, dalla rete clinometrica e da quella mareografica, le variazioni di temperatura dell’area intra-craterica rilevate in automatico dalle telecamere termiche, il flusso di emissione dei gas al suolo e la loro composizione chimica, rilevati con sistemi automatici e con campagne di analisi periodiche, le variazioni gravimetriche riconducibili a masse magmatiche in movimento, rilevate con campagne di misura periodiche. Infine è da chiarire che i singoli eventi sismici, ed in particolare la loro magnitudo, non costituiscono da soli elementi significativi per la valutazione dello stato di un vulcano. In particolare la magnitudo degli eventi sismici può permanere a livelli bassi o moderati anche nelle fasi critiche pre-eruttive, come verificatosi per diversi vulcani attivi. Per questo è molto più significativa la “tipologia” degli eventi sismici rilevati, ovvero il meccanismo fisico che li ha prodotti, che è un parametro indipendente dalla loro energia. Ad esempio intrusioni magmatiche in movimento e/o apertura di crepe profonde per intrusione di fluidi producono segnali sismici specifici, anche tremore continuo, che, pur essendo di bassissima energia, rappresentano elementi significativi di una possibile evoluzione del vulcano, da confrontare, per una corretta valutazione, anche agli altri parametri fisici e chimici monitorati. Pertanto l’attività sismica rilevata negli ultimi mesi non differisce in alcun modo, come frequenza di accadimento, magnitudo massime degli eventi e caratteristiche dei segnali, da quanto già rilevato nei passati decenni. Inoltre tutti gli altri parametri rilevati dalla rete di monitoraggio non mostrano andamenti significative associabili ad una variazione dello stato del vulcano. Per questo, come riportato anche nei nostri bollettini mensili, consultabili sul sito web dell’Osservatorio Vesuviano ( http://www.ov.ingv.it/ov/it/bollettini.html), non sono segnalate variazioni dello stato del Vesuvio che, nell’ambito dei Piano di Emergenza di Protezione Civile è attualmente ad un livello verde, ovvero di “riposo”.

Il Commissario

Dott. Marcello Martini"

Dunque, l'Osservatorio interviene tranquillizzando i cittadini sullo stato del Vesuvio che è e rimane "verde", livello base.
Circa il numero di eventi, chi ci segue, potrebbe ritenere superflue quelle precisazioni vista l'abbondanza di grafici presenti sul Nostro sito web. Ma comunque fa bene il Commissario a fare quelle precisazioni.

Ora, ciò posto, quello che a Noi interessa, per le battaglie che da sempre sosteniamo, la Nota è il pieno riconoscimento dell'importanza di alcuni dati che richiediamo da tempo. Primo su tutti la indicazione della tipologia dei terremoti registrati: è fondamentale indicare se un terremoto è a bassa frequenza (LF/LP/VLP), così come la pubblicazione del catalogo sismico relativo a detti eventi. Idem dicasi per i tremori. Invitiamo di nuovo l'Osservatorio a provvedere. Inoltre, è evidente l'importanza dei piccoli eventi: il Commissario chiarisce, per chi avesse ancora dei dubbi, che "
la magnitudo degli eventi sismici può permanere a livelli bassi o moderati anche nelle fasi critiche pre-eruttive, come verificatosi per diversi vulcani attivi". Ultimo esempio, aggiungiamo Noi, il vulcano Calbuco che eruttò quasi improvvisamente l'anno scorso dopo decenni di quiescenza.
Vi rimandiamo caldamente alla lettura dei Nostri articoli:

EVENTI LP-LF VESUVIO - TREMORE

SCENARI ERUTTIVI E LIVELLI DI ALLERTA VESUVIO

SUL CALBUCO NEWS DEL 23/04/2015

Notiamo come OV sfoderi alcuni grafici inediti e la cosa non può che accogliere il Nostro favorevole riscontro. Nulla di nuovo, tuttavia, rispetto ai grafici che postiamo da anni.
Mancano, ad esempio, i grafici della temperatura delle fumarole di bordo e fondo cratere (FC2).

Intanto, il sismogramma di BKEV pubblicato è praticamente illeggibile, mentre quello di VCNE settato a 64 GAIN dal 9 maggio non consente la visualizzazione dei piccoli eventi. Quindi, in questo  momento, non vi è alcuna possibilità di individuare terremoti di piccola intensità del Vesuvio sui sismogrammi pubblicati. Stamane abbiamo segnalato la cosa al Commissario.

Vi sottoponiamo un nuovo grafico che rappresenta la somma delle magnitudo mese/mese periodo 2012/2016 (al 10 maggio).
Stiamo elaborando anche un nuovo grafico più storico.
Ovvio che Noi non godiamo di stipendio pubblico, come sapete, e tutto quello che facciamo occupa gran parte del Nostro tempo libero che dedichiamo agli utenti ed ai vesuviani per soli fini di divulgazione ed informazione.
INGV, sezione di Napoli, è ente (istituto) di diritto pubblico tenuto al rispetto di tutta una serie di norme ultranazionali, nazionali, convenzioni col DPC e direttive, regolamenti, decreti (da ultimo il 200/2016 del Presidente INGV) che obbligano alla pubblicazione e libera fruizione dei dati raccolti dalle reti di monitoraggio. Tutto deve avvenire in maniera tempestiva, completa e rapida sul portale web.

Magari INGV OV prendesse la strada della pubblicazione di tutti i dati del monitoraggio.
Vi preannunciamo che mettermo online nuovi dati inediti sulla sismicità del Vesuvio. Seguiteci che le sorprese non mancheranno!
Eccovi il grafico che metteremo stabilmente in home page.



Link alla nota completa del Commissario.



13/05/2016 PROBABILE BREVE SCIAME NELLA NOTTE AL VESUVIO - METEOVESUVIO CITATO DA STAMPA NAZIONALE
Ore 8.00
Dopo la novità del monitoraggio della temperatura di circa 40 punti del fondo cratere del Vesuvio, che forse ai più è sfuggita nella "bagarre" delle news di ieri, segnaliamo un probabile breve sciame di eventi registrati nella notte al Vesuvio. Potrebbe trattarsi di 4-5 eventi di bassa mtd registrati nella notte del 13/5/16 dalle 00.02 min circa alle 00.23 minuti UTC (+2 ore per l'ora locale). Potremmo sbagliarci ma ci sembra vi sia qualche altro evento intorno all'una di notte. Inoltre, evidenziamo un evento probabile e non facilmente classificabile occorso alle ore 20.12.45 sec circa UTC del giorno 12/05/2016.
Il settaggio della VCNE a 64 GAIN da 128 ed il notevole disturbo presente su BKE rendono ardua l'individuazione di piccoli eventi. Abbiamo chiesto in data odierna al Commissario dr.Martini un intervento sulla BKE ed il ripristino del sismogramma a GAIN 128 della VCNE.
Consentiteci una brevissima digressione.
La Stampa Nazionale si accorge di Noi e ci cita a proposito della news di ieri che, evidentemente, nel balletto di catalogazioni, ha fatto scalpore. Link all'articolo della testata ILSECOLOXIX.
Sismogramma.





12/05/2016 TERREMOTO DI MEDIA INTENSITA' NELLA NOTTE AL VESUVIO 
Ore 16.30
CLAMOROSO: AVEVAMO RAGIONE!!!! INGV RICATALOGA L'EVENTO DI STAMANE PORTANDOLO A 2.4 DI MTD DA 2.1!!!
Ci comunicano che da pochi minuti INGV NAPOLI ricataloga il terremoto portandolo a 2.4 da 2.1. Noi avevamo espresso grosse perplessità sulla catalogazione di 2.1. Rivista leggermente la profondità a 2.04 KM.

L'evento risulta essere stato avvertito da molte persone ai piani alti dei Comuni di Boscotrecase, Trecase, Torre del Greco, Ercolano e limitrofi. L'epicentro è in area cratere, lato sud ovest, base gran cono. Ed anche su questo avevamo ragione!

Catalogato con mtd 0.4 ed epicentro lato nw cratere l'evento delle 5.45 che era stato catalogato con mtd 1.6 da INGV Roma ed epicentro Massa di Somma. Avevamo ragione anche su questo evento.


Ore 16.00
RILASCIO BOLLETTINO MENSILE VULCANI CAMPANI - SETTIMANALE FLEGREI
Vesuvio
INGV OV rilascia il bolletitino mensile dei vulcani campani. Per quelllo che più interessa, finalmente riprende un monitoraggio delle fumarole crateriche che possiamo ritenere abbastanza completo, dopo le annose critiche che abbiamo sollevato più volte. Ecco cosa si legge nel bollettino a proposito (formattazione testo nostra): "L'attività di monitoraggio svolta nel mese di Aprile 2016 ha riguardato l’acquisizione in continuo di dati di flusso di CO2 dal suolo, della temperatura della fumarola principale e del gradiente di temperatura del suolo, tramite una stazione multiparametrica installata in area bordo cratere (settore SW). È stata inoltre campionata la fumarola di fondo cratere, ed è ripreso il monitoraggio periodico del flusso di CO2 e della temperatura del suolo su ~40 punti fissi selezionati in area di fondo cratere".
Dunque, monitorata di nuovo la FC2, nonché altre fumarole e temperatura del suolo a fondo cratere in circa 40 punti. Ottimo. Attendiamo però la pubblicazione dei dati relativi a questi nuovi campionamenti delle temperature di fondo cratere.
OV non segnala sulla di particolare, riguardo al Vesuvio, segnalando come i dati della FC2 mostrino una diminuzione della componente magmatica nei gas.
Piuttosto Noi evidenziamo come la temperatura di bordo cratere della fumarola monitorata con stazione automatica sia in aumento ed abbia raggiunto e superato i massimi dalla sua installazione (novembre 2015). La temperatura del suolo a 40 cm in loco è salita dai 50 circa di marzo ai 60 circa di aprile (con oscillazioni varie). Notiamo ancora che il valori della FC2 riguardante il rapporto H2/CO2 sia in diminuzione (aumento del denomitaore), quello He/CO2 sia in aumento (aumento numeratore) e quello CO2/CH4 sia in aumento (aumento numeratore).
 INGV OV assicura che in ogni caso trattasi di variazioni dovute a fattori climatici e stagionali.
Link al bollettino completo.

Campi Flegrei
Dal bollettino mensile poche novità, se non la circostanza che la CO fa segnare un nuovo massimo assoluto da quando viene monitorato (1983) ed il rapporto CO2/H2O si mantiene vicino ai masismi assoluti.
Confermato, ovviamente, il sollevamento del suolo. Rimandiamo al bollettino mensile.
Con riferimento a quello settimanale, confermato l'aumento del tasso di sollevamento e la registrazione di 15 terremoti a bassa/bassissima magnitudo.
Rimandiamo al bollettino.


Con riferimento all'evento di questa notte catalogato da OV con mtd 2.1 ribadiamo che le Nostre prime riserve erano dovute al fatto che  l'assegnazione della mtd 2.1 associata ad una profondità di quasi 2km non ci sembrava coerente con altre  catalogazioni.

 Raffrontando eventi con mtd identiche, si nota come si
ano stati catalogati con mtd 2.1 eventi più superficiali  e con epicentri identici,

 con onda più smorzata, meno prolungata, leggermente meno ampia con una duration minore.


 



Ore 9.20
Aggiornamento: compare su Plino la catalogazione confermata con mtd 2.1, profondità  1.8KM ed epicentro area craterica, non più Capri come da prima catalogazione!
 
Ci riserviamo di meglio considerare la situazione venutasi a creare con le catalogazioni. Ad esempio, compare su INGV Terremoti altri evento alle ore 5.45 UTC con mtd 1.6 che avrebbe come epicentro la zona Massa di Somma. Vedremo se confermano questa scossa con queste catalogazioni.
ECCOVI UNA PARI CATALOGAZIONE DI 2.1 DELL'EVENTO DELL'11 MARZO 2016


Ore 8.20
Aggiornamento: sul sito INGV Terremoti l'evento viene riportato come catalogato da INGV NAPOLI. Tuttavia l'evento non è ancora in catalogo Plinio. Attendiamo, ripetiamo, la catalogazione ufficiale su catalogo Plinio.

Ore 8.00

Alle ore 02.09.20 secondi circa UTC (ore 04.09.20 secondi circa ora locale) è stato registrato un terremoto al Vesuvio che riteniamo abbia una mtd non corrispondente a quella assegnata dalla sala INGV di Roma (2.1)
Sulla base di precedenti osservazioni e constatazioni di divergenze nelle catalogazioni tra sala operativa INGV di Roma ed OV, riteniamo che l'evento in questione abbia potuto avere una mtd tra 2.6/2.8. Riteniamo che l'evento possa essere stato avvertito dalla popolazione vicina all'epicentro.
Parimenti non condivisibile è l'epicentro dell'evento che secondo sala operativa INGV sarebbe nei pressi di Capri. L'evento ci sembra avere epicentro in area crateria o comunque nella caldera del Somma-Vesuvio.
Attendiamo la catalogazione ufficiale di INGV OV Napoli su catalogo Plinio.

Nella giornata di ieri abbiamo rielaborato il grafico della somma della mtd presente in home aggiungendo l'anno 2000.
Preannunciamo che, sempre nella giornata di ieri, abbiamo elaborato un nuovo grafico sulla sismicità del Vesuvio, che metteremo online a breve.
Eccovi il sismogramma del terremoto di questa notte.



11/05/2016 TRE TERREMOTI NELLA SERATA DI IERI AL VESUVIO E SEGNALI "STRANI" SUI SISMOGRAMMI
Ore 9.00
Segnaliamo tre terremoti registrati al Vesuvio nella serata di ieri. Il primo alle ore 18.48.56 secondi circa (ora locale), gli altri due a brevissima distanza l'uno dall'altro alle ore 21.47.54 sec. circa e seguire.

Segnaliamo ancora alcuni deboli segnali visibili solo sul sismogramma BKE (ricordo che OV ha settato dal giorno 9/5/16 la VCNE a 64 GAIN e la cosa rende invisibili su questa stazione i micro eventi, contrariamente a quanto accade con settaggio a 128 GAIN) di dubbia interpretazione.
Attendiamo che INGV OV cataloghi gli eventi che vanno dunque ad aggiungersi ai 25 catalogati al 10 maggio.

Aggiornamento grafico in home
Abbiamo ricalcolato la somma magnitudo nel grafico che postiamo in home ed apportato alcune lievi rettifiche ai dati 2015 e 2016 (portandoli a 182,8 da 188,4 e 85,3 da 84) ed  ampliato il database aggiungendo l'anno 2000 che fece segnare un valore di 280.
Ricordiamo che la grande crisi sismica del 1999 del Vesuvio si protrasse anche nell'anno 2000 che, tuttavia, non fece raggiungere i picchi registrati nel 1999.

 10/05/2016 CATALOGATI TERREMOTI VESUVIO AL 10/5/16 - COME PREANNUNCIATO L'EVENTO DI IERI HA AVUTO TUTT'ALTRA MTD E PROFONDITA'
Ore 18.00
INGV OV cataloga i terremoti registrati al Vesuvio al 10/5/2016, con alcune sorprese.

Registrati in 10 giorni 25 terremoti. Confermato con mtd 1.5 (Ns. stima 1.4) l'evento del 4/5/16 ore 22.13 (UTC), mentre l'evento apparso ieri su Iside (mtd 1.1, 5km di profondità ed epicentro zona San Giuseppe Vesuviano-Ottaviano) è stato catalogato con mtd pari a 0.4, profondità a 0.10 KM ed epicentro nel cratere. Valori completamente differenti.
Certo bisognerebbe capire quale catalogazione sia da prendere come ufficiale anche se riteniamo che debba ritenersi tale il catalogo PLINIO di INGV OV.
Abbiamo chiesto
da giorni al Commissario conferma di questo e cioé se Plinio debba e possa considerarsi catalogo ufficiale: ancora nessuna risposta.

Ma andiamo oltre, per ora.
Segnalo come l'evento di stanotte abbia avuto una mtd pari ad 1.2 e profondità pari a 2km circa.

Abbiamo aggiornato i grafici in home.
Spicca il grafico della somma delle magnitudo che ha già raggiunto il valore di 81, mentre rimane quasi invariata la proiezione annuale. A causa di una dissociazione tra il dato del numero dei terremoti risultante dalla classificazione eventi ed il numero eventi, abbiamo scelto di ritornare a riportare il dato (più basso di 380 vs 392) del numero annuo. Non sappiamo il perché di tale dissociazione di valori.
 Non si segnalano frane, almeno per quanto risulta: il valore è fermo a 22.

Se qualcuno di INGV ci vuole spiegare le discordanze sopra evidenziate noi siamo qui.

Notiamo come siano già online i completi bollettini settimanali di Etna e Stromboli, mentre non lo è ancora quello dei Campi Flegrei.

Segnalo altresì che da ieri INGV OV ha settato la stazione VCNE a Gain 64 da 128. Questo impedirà di rilevare a vista sui sismogrammi gli eventi di minore entità che rimarrano visibili su BKE, bus turistico permettendo.

Ma eccovi l'elenco completo dei terremoti 1-10 maggio Vesuvio (fonte http://www.ov.ingv.it). .

Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/05/10 03:34:37 1.2 40.8157 14.4232 1.93
2016/05/09 18:20:39 -0.2 40.8193 14.4322 0.35
2016/05/09 06:00:56 0.4 40.8207 14.4290 0.10
2016/05/08 23:37:08 0.0 40.8265 14.4278 0.42
2016/05/08 22:49:06 0.0 40.8260 14.4270 0.19
2016/05/08 22:29:29 0.0 40.8255 14.4242 0.15
2016/05/08 16:02:23 -0.2 40.8192 14.4315 0.11
2016/05/08 14:22:38 0.1 40.8198 14.4258 0.21
2016/05/07 23:25:29 0.0 40.8193 14.4262 0.09
2016/05/07 17:32:44 0.2 40.8205 14.4350 0.21
2016/05/07 16:44:55 0.2 40.8148 14.4283 0.51
2016/05/07 06:40:49 0.5 40.8172 14.4263 0.47
2016/05/05 22:53:41 0.3 40.8070 14.4243 1.04
2016/05/05 17:32:59 0.0 40.8223 14.4292 0.08
2016/05/05 15:27:43 -0.2 40.8230 14.4308 0.59
2016/05/05 06:08:43 0.2 40.8090 14.4133 1.34
2016/05/04 22:13:46 1.5 40.8157 14.4307 0.13
2016/05/04 01:06:05 0.0 40.8213 14.4242 0.09
2016/05/04 01:05:03 -0.1 40.8217 14.4245 0.08
2016/05/04 00:37:34 1.4 40.8175 14.4252 0.12
2016/05/03 18:43:56 1.5 40.8193 14.4262 0.06
2016/05/03 18:39:54 0.0 40.8178 14.4375 0.31
2016/05/02 09:40:12 0.1 40.8170 14.4238 0.22
2016/05/02 09:36:18 0.3 40.8168 14.4225 0.08
2016/05/01 01:22:13 0.1 40.8250 14.4352 0.50




09/05/2016 UN EVENTO DEL VESUVIO CON MTD 1.1 E 5KM DI PROFONDITA' COMPARE SU ISIDE INGV - CATALOGATI ALCUNI EVENTI AI FLEGREI
+++ SALA INGV ROMA: TERREMOTO MTD 1.1 ALLE 06.00.55 UTC AL VESUVIO - 5KM DI PROFONDITA' - ZONE PIU' VICINE ALL'EPICENTRO SAN GIUSEPPE VESUVIANO ED OTTAVIANO +++
Le stranezze non finiscono mai. Compare un evento catalogato nell'area vesuviana non da INGV Napoli ma dalla sala sismica di Roma. L'evento avrebbe avuto una mtd 1.1 e profondità di 5km. Usiamo il condizionale perché per gli ultimi eventi di mtd 2.3 e 2.4 al Vesuvio, la sala sismica Roma diede ben altre magnitudo (inferiori) e profondità (superiori).
L'incertezza della mtd dell'evento in parola è di +- 0.3, mentre per la profondità è di +- 2km.Link al dato su ISIDE.
Le stazioni che hanno registrato l'evento sono quelle di INGV Napoli, ovviamente.
Possibile che siamo di fronte alla svolta tanto attesa? O si è trattato di un caso?
Vedremo.
Eccovi il sismogramma evento come registrato da BKE:




Quanto ai Flegrei, eccovi le ultime catalogazioni di eventi. Compare l'evento da Noi segnalato il 3/5/2016.

Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/05/07 06:56:38 -0.1 40.8313 14.1420 1.57
2016/05/06 19:33:45 -0.3 40.8242 14.1427 0.90
2016/05/05 03:33:28 -0.1 40.8237 14.1342 1.80
2016/05/04 13:02:12 -0.5 40.8228 14.1335 2.20
2016/05/03 21:14:25 0.6 40.8263 14.1382 1.78

06/05/2016 FINALMENTE ARRIVA IL BOLLETTINO SETTIMANALE DEI FLEGREI CON QUALCHE NOVITA'
Ore 12.00
Partiamo dai dati più significativi: confermato l'aumento del tasso di sollevamento del suolo, individuate due sequenze sismiche.

Trova conferma quanto avevamo evidenziato tempo fa (vedasi news del 22/04/2016): il sollevamento dei suolo in atto sta accelerando e si attesta, a detta di INGV, sui livelli del settembre 2015 (quando si verificò l'energetico sciame). Questa volta la sismicità è debole come intensità con eventi di bassissima magnitudo.
 Registrati 21 terremoti nella settimana 26 aprile-3 maggio: per sei di essi è stato possibile determinare epicentro e profondità.  Una sequenza di 15 terremoti è stata registrata il 28 aprile, mentre altri 6 il 2 maggio.

Notiamo che con uno sforzo, dopo le Nostre critiche, hanno inserito un nuovo grafico e dato: variazione di lunghezza della baseline Accademia Pozzuoli - Arco Felice dal gennaio 2015.
Rinnoviamo le Nostre critiche, giacché il bollettino è incompleto in quanto mancano del tutto, ad esempio, i dati della geochimica, termali e della tiltmetria. Mancano i dati della tipologìa di eventi (VT, LF o LP). Tutti dati che ai sensi della legislazione vigente e del decreto Presidenziale INGV 200/2016 sono ad accesso aperto, oltre che ambientali, e dovrebbero essere resi pubblici e fruibili in modo tempestivo e/o reale. A maggior ragione vanno inseriti in un bollettino di un vulcano a livello di "attenzione".
Inoltre dobbiamo sottolineare ancora una volta come INGV pubblichi un bollettino settimanale Stromboli molto, molto più completo di quello dei Flegrei. Chiediamo l'immediato adeguamento di INGV Napoli.
Link al bollettino settimanale Flegrei 3 maggio.


05/05/2016 AGGIORNAMENTO TERREMOTI VESUVIO - MICRO EVENTI
INGV OV cataloga i terremoti registrati al Vesuvio alla data del 30/04/2016. Nel mese di aprile sono stati registrati 81 eventi. Sappiamo che alcuni sono stati più energetici con mtd >2.0, ma la stragrande maggioranza ha avuto mtd molto bassa <0.5.
L'energia in Joule si è attestata a circa 30MJ mensili (a causa degli eventi con mtd >2.0) facendo segnare, per la prima volta, nella sequenza mensile che pubblichiamo nel grafico in home, un secondo valore relativamente alto di fila. Ci attendiamo, dunque, nel mese di maggio, una diminuzione dell'energìa liberata. Almeno questo è quanto accade statisticamente da anni.
Il dato "predittivo" annuale rimane su valori piuttosto elevati, attestandosi ad una presumibile proiezione di circa 1460 eventi annuali per il 2016.
Notevole, ci sembra, il dato della magnitudo cumulativa: nel primo quadrimestre siamo a 76, un valore alto se paragonato ai valori che riportiamo nei grafici in home. Elevato il numero dei "micro" eventi: molta micro sismicità che potrebbe giustificarsi, in parte, almeno negli ultimi anni, grazie alla migliorata capacità di rilevamento dei terremoti da parte della strumentazione.

Rimandiamo ai grafici in home aggiornati per chi vuole approfondire.
Vogliamo qui ora segnalare alcuni micro eventi registrati nelle ultime ore che non fanno altro che confermare come persista una certa microsismicità. Abbiamo affiancato i sismogrammi BKE e VCNE. Altro micro evento è occorso, presumibilmente, alle ore 17.27.42 sec. circa ora locale che non riportiamo qui.

Ci riserviamo comunque di approfondire alcune questioni che sembrano emergere dalle catalogazioni.





 
05/05/2016 TERREMOTO AL VESUVIO NELLA NOTTE
L'evento è stato registrato alle ore 00.13.45 secondi circa, ora locale (22.13.45 sec UTC) e sembra avere, sulla scorta di precedenti osservazioni, una mtd stimabile intorno a 1.4. Segnalati, sempre con cerchio rosso, dei probabili micro eventi. Attendiamo la catalogazione di INGV OV atteso che, come ormai arcinoto, gli eventi del Vesuvio (dei C.F., Ischia...) NON vengono riportati e catalogati, contrariamente a quanto avviene per il resto d'Italia, su INGV terremoti.
Sismogramma evento:



04/05/2016 NUOVO GRAFICO ESCLUSIVO SUL SOLLEVAMENTO DEL SUOLO AI FLEGREI
Ore 20.30
Abbiamo rielaborato un grafico del sollevamento del suolo in atto ai Flegrei dal 1905 al marzo 2016.
Poiché in rete non abbiamo rinvenuto un grafico storico aggiornato, sempre spinti da semplice curiosità, sperimentando un po', abbiamo modificato il grafico che segue aggiungendo il sollevamento dal luglio 2012, ultimo aggiornamento del grafico reperito, al marzo 2016. Prendete con cautela, dunque, la Nostra aggiunta ed affidatevi solo ai dati ufficiali INGV. Ci perdonino gli addetti ai lavori. Noi abbiamo aggiunto 24 cm; tale ci sembra essere il sollevamento in atto dal lugio 2012 al 31 marzo 2016 e li abbiamo riportati nel grafico.
Notate come siamo ampiamente sopra i livelli della crisi degli anni '70, mentre ci si approssima ai livelli della crisi degli anni '80.
Il futuro ci dirà come andrà a finire.
Ancora non si hanno notizie del bollettino settimanale dei Flegrei né risulta catalogato l'evento flegreo di ieri sera.
Per il Vesuvio le catalogazioni sono ferme nientemeno al 20/04/2016.
Eccovi il grafico.




03/05/2016 CATALOGATI ALCUNI EVENTI AI FLEGREI - ESEMPIO DI BOLLETTINO SETTIMANALE STROMBOLI: CONFRONTO IMBARAZZANTE CON QUELLO DEI FLEGREI
Ore 23.30
EVENTO AI FLEGREI POCO FA - EVENTI AL VESUVIO
Segnalo qui un terremoto ai Flegrei di pochi minuti fa ed alcuni terremoti al Vesuvio con eventi e disturbi di dubbia natura.
Vi sottopongo i sismogrammi:


Ore 19.00

Eccovi la lista delle ultime catalogazioni di terremoti registrati ai Flegrei (catalogo PLINIO INGV OV), tra cui alcuni che avevamo segnalato in news precedenti:

Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/05/02 12:49:42 -0.1 40.8220 14.1310 1.82
2016/05/02 12:26:05 -0.5 40.8220 14.1303 1.83
2016/04/28 23:21:33 -0.8 40.8220 14.1435 0.14
2016/04/28 23:21:22 -0.8 40.8237 14.1438 0.57
2016/04/28 23:21:20 -1.6 40.8227 14.1438 0.46
2016/04/28 23:20:52 -0.3 40.8223 14.1443 0.27


Ora, riproponiamo un  raffronto tra il bollettino settimanale dei     Flegrei    e       quello dello Stromboli.

Leggeteli.

E' imbarazzante vedere come sia molto più completo quello dello Stromboli che contiene tanti, ma tanti, dati in più: uno su tutti la geochimica con grafici, concentrazione CO2; l'inclinazione del suolo... etc... Soprattutto il bollettino aggiornato al 3 maggio è già disponibile, mentre per i Flegrei non ancora.

E' più pericoloso lo Stromboli o i Flegrei? 
GD

01/05/2016 SVOLTA INGV: LIBERO ACCESSO AI DATI DEL MONITORAGGIO - DECRETO DEL PRESIDENTE


29/04/2016 IL CONSIGLIO DI STATO CONFERMA IL COMMISSARIAMENTO E MOTIVA LA DECISIONE CON LE PAROLE STESSE DEL DR. DE NATALE

Dunque nulla da fare per l'ex Direttore dr. Giuseppe De Natale. Il Consiglio di Stato con ordinanza pubblicata in data odierna conferma il decreto ed anzi motiva la decisione trasponendo nella motivazione dell'ordinanza una frase tratta da una lettera inviata proprio da De Natale. Eccovi lo stralcio della motivazione:
"[...]la Sezione rileva che è stato lo stesso prof. De Natale (e.c. ordinanza dove si legge "Di Nalale"), in una lettera inviata al Presidente dell’Istituto e al Direttore generale del 18 febbraio 2016, ad affermare, dopo avere esposto gli ottimi risultati di gestione sino ad allora perseguiti, quanto segue “oggi mi trovo a dovere certificare l’impossibilità di gestione del personale per il corretto funzionamento di una Sezione che ha una valenza cruciale, oltre che di alto valore scientifico, anche la sicurezza di diversi milioni di persone a rischio vulcanico”;
che la Sezione rileva come la valutazione contestuale di una serie di elementi - costituiti i) dal contenuto della predetta lettera redatta dalla stessa parte appellata;ii) dalla situazione attuale conseguita al decreto monocratico della Sezione; iii) dal tempo mancante per la scadenza dell’incarico – inducono a dare prevalenza all’interesse pubblico alla prosecuzione dell’attività del commissario nominato per assicurare la massima funzionalità dell’Istituto[...]"

Il Prof. De Natale, insomma, ha certificato egli stesso, secondo il Consiglio di Stato, che era impossibile gestire il personale.
Intanto notiamo un curioso intervento, nei giorni scorsi, del Sindaco di Napoli uscente dr. De Magistris, che scende in campo con dichiarazioni che sembrano strigliare la decisione di Commissariamento lamentando una non meglio chiara ansia o preoccupazione per il funzionamento di OV.
Noi avremmo voluto che il Sindaco si fosse interessato della tematica divulgazione e trasparenza di INGV Napoli, ma non lo ha mai fatto. Avremmo voluto che il Sindaco si fosse preoccupato dello sconcertante accentramento di poteri in seno ad INGV OV nell mani del dr. De Natale e della Dr.ssa Claudia Troise. Ricordo che, poco prima del Commissariamento,
mentre il dr. De Natale aveva assunto anche l'incarico di Reponsabile del settore geochimica, la dr.ssa Claudia Troise,  membra del nuovo gruppo creato il 29/1/16 che doveva occuparsi della gestione di un servizio che accorpava le reti avanzate di monitoraggio recentemente acquisite (=controllo di tutti i dati acquisiti), nonchée coordinatrice da sola con De Natale del progetto CFDDP (Campi Flegrei Deep Project=perforazione a scopi "prelvalentemente" scientifici), cumulava anche i seguenti incarichi :
"2015 ad oggi
Referente del Servizio di supporto alla Direzione (D.D. n4 del 21.01.2015)
2015 ad oggi Coordinatore Laboratorio di metodi geofisici applicati all’Archeologia ed alle Georisorse (D.D. n4 del 21.01.2015)
2014-2015 Responsabile Servizi Programmazione, Verifica e Rendicontazione Progetti (D.D n. 59/2014)
 2014 ad oggi Referente Gruppo di Ricerca “Energia e Georisorse A5” (D.D. n.53 del 8.05.2014)
2013 Referente per l’Osservatorio Vesuviano dell’ “Ufficio Proposte Progettuali e Gestione Progetti (UPGP)” dell’Amministrazione Centrale INGV
 2013 Coordinatore Settore Gestione e Programmazione (D.D. n.130 del 15.11.2013)"


La dr.ssa Claudia Troise risulterebbe candidata alle prossime elezioni amministrative nel Comune di Napoli proprio nel partito/movimento che appoggia il Sindaco uscente.

 
29/04/2016 SEGNALIAMO PROBABILI PICCOLI EVENTI AI FLEGREI NELLA NOTTE
Ore 8.30 
PROBABILI TERREMOTI NOTTURNI AI FLEGREI
Ore 23.20.50 (UTC- +2 ore per ottenere ora locale) circa il più evidente. INGV OV non ha ancora catalogato gli eventi.

28/04/2016 FLEGREI: L'ULTIMO BOLLETTINO SETTIMANALE CONFERMA QUANTO AVEVAMO EVIDENZIATO NELLA NEWS DEL 22/04/2016: L'UPLIFT SEMBRA STIA ACCELERANDO
Ore 12.00
Nel bollettino settimanale relativo ai Campi Flegrei pubblicato sul sito wev INGV OV, viene confermata la Nostra ipotesi di accelerazione nel trend al sollevamento del suolo (uplift). Si legge nel bollettino che " I dati delle due ultime settimane sembrano indicare una leggera accelerazione nel tasso di sollevamento". Vi rimandiamo alla Nostra news di approfondimento del 22 aprile.

INGV OV segnala altresì la registrazione di nove terremoti di bassissima magnitudo occorsi nella settimana 19-26 aprile 2016. Non è stato possibile determinare ipocentro ed epicentro di tre eventi.
A questo punto attendiamo i dati della geochimica per comprendere si via siano ulteriori incrementi nell'input di gas magmatici, nonché i dati delle temperature del suolo e delle fumarole monitorate. Così come attendiamo i dati della rete tilmetrica dei Flegrei, anch'essi non disponibili nei bollettini mensili.

26/04/2016 PROBABILI EVENTI AI FLEGREI QUESTA NOTTE
Ore 13.00
INGV OV CATALOGA EVENTI SEGNALATI ED ALTRI MICRO TERREMOTI: ECCOVI LE CATALOGAZIONI.
Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/04/26 04:42:45 -0.3 40.8220 14.1438 0.15
2016/04/26 02:10:07 0.1 40.8280 14.1413 0.98
2016/04/26 02:09:42 -0.3 40.8247 14.1427 0.63
2016/04/26 02:09:39 -1.1 40.8205 14.1425 1.03

Ore 9.30
Segnaliamo probabili eventi di natura sismica registrati ai Flegrei questa notte alle ore 04.09.45 circa, ora locale (02.09.50 sec circa UTC) ed alle 04.10.05 secondi circa, ora locale (02.10.05 sec. circa UTC).
Attendiamo la catalogazione di INGV OV per capire se si sia trattato o meno di terremoti e la relativa magnitudo (che sembra molto bassa).
Abbiamo evidenziato con uno zoom alcuni eventi che sembrano avvenuti in stretta sequenza. Ricordo che avevamo evidenziato come il sollevamento del suolo avesse ripreso, con una certa decisione, il trend al rialzo.
Eccovi il sismogramma:


24/04/2016 FULMINI E TERREMOTI: NOTTE UN PO MOVIMENTATA AL VESUVIO
E' stata una notte un po' movimentata. Il sismogramma BKE, disturbato a causa del maltempo che imperversa, ha registrato una serie di eventi. Abbiamo provato a distinguere i fulmini (in giallo) da alcuni terremoti (in rosso) ed altri segnali di dubbia interpretazione (in azzurro).
Abbiamo eliminato il disturbo presente per meglio individuare i probabili terremoti cerchiati in rosso.
Gli eventi sono ben visibili anche su VCNE. Gli eventi in rosso più rilevanti, probabili terremoti, si sono verificati nella notte alle ore 00.54.39 secondi circa e 00.59.28 secondi circa, ora locale del 24/04/2016. Riguardo alla magnitudo, sempre sulla scorta di precedenti osservazioni, il primo sembra avere una mtd intorno a 1.5-1.6, il secondo 1.4-1.5. Sappiamo che il sismogramma OV è riferito al tempo UTC al quale vanno aggiunte 2 ore. Attendiamo comunque le catalogazioni INGV OV. Come sempre se seguite questo link vedrete che i terremoti del vulcano ETNA (ne vedrete catalogati, ad es., due di questa notte a Catania di 1.4 ed 1.5) vengono inseriti su INGV Terremoti in poco tempo, mentre per quelli del Vesuvio permane questa gravissima ed ingiustificata differenzazione: catalogazioni a discrezione di OV Napoli che decide quando (di solito giorni e giorni dopo, decine di giorni anche) catalogarli!
INGV dovrebbe precisare nella pagina INGVCENTRONAZIONALETERREMOTI  che solo per Vesuvio, Flegrei ed Ischia non è disponibile il servizio di catalogazione quasi in tempo reale. Non è corretta la dicitura presente nella pagina in quanto induce in errore il visitatore che assume di trovare ivi TUTTI i terremoti registrati. INGV deve precisare che il servizio non riguarda il Vesuvio!
Sismogramma BKEV come rettificato:


23/04/2016
I bollettini mensili incompleti - La loro mancata sottoscrizione - Una "Pubblicazione" del 2015 fa sorgere domande sulla vicenda  Rendicontazioni


22/04/2016 FLEGREI UPLIFT - SCIAMI - ULTIMO BOLLETTINO SETTIMANALE - NUOVA INIZIATIVA DI METEOVESUVIO
Ore 20.00
Segnaliamo, br
evemente, questo grafico tratto dall'ultimo bollettino settimanale rilasciato da INGV OV.
Abbiamo evidenziato come, sebbene i dati siano ancora provvisori, l'uplift di aprile sembra essere piuttosto rilevante se confrontato col sollevamento in atto dal 2014.
E' curioso notare come un upfit paragonabile, a parità di tempo, si ebbe ad ottobre 2015, noto per lo sciame rilevante avvertito dalla popolazione puteolana.
Precisiamo che, come sempre, è la semplice curiosità che ci spinge a fare dei raffronti.
Vogliamo anche annunciare pubblicamente una nuova iniziativa e richiesta che avanzeremo in questo fine settimana al Commissario dr. Martini e di cui renderemo debito conto sul sito.
Ma eccovi il grafico in parola:


20/04/2016 AGGIORNATI TERREMOTI VESUVIO- FLEGREI 

Ore 20.00
INGV - OV cataloga i terremoti registrati al Vesuvio e Flegrei al 20/4/16.
Il terremoto di stamane è stato catalogato con mtd pari ad 1.1, profondità a circa 180 metri ed epicentro in zona cratere.
Notiamo che dal giorno sette aprile all'oggi vi è stata una microsismicità con eventi che si sono attestati su mtd vicine allo zero o negative, tranne pochi eventi.
Abbiamo aggiornato i Nostri grafici in home.


Ma eccovi la tabella delle catalogazioni 7-20 aprile (dal catalogo Plinio - INGV OV Napoli):
Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/04/20 09:30:40 1.1 40.8185 14.4270 0.18
2016/04/19 18:20:19 -0.1 40.8323 14.4288 0.36
2016/04/19 02:37:14 0.0 40.8257 14.4242 0.12
2016/04/19 00:13:11 0.0 40.8205 14.4238 0.45
2016/04/17 02:28:06 0.3 40.8170 14.4288 0.16
2016/04/14 20:01:23 -0.1 40.8135 14.4292 0.17
2016/04/14 17:53:10 -0.1 40.8175 14.4290 0.43
2016/04/12 23:44:41 -0.1 40.8195 14.4247 0.19
2016/04/11 07:49:49 0.0 40.8180 14.4200 0.08
2016/04/11 07:16:48 0.0 40.8237 14.4367 0.18
2016/04/11 05:02:00 0.1 40.8153 14.4287 0.09
2016/04/10 09:52:06 0.1 40.8232 14.4242 0.07
2016/04/10 02:20:12 0.0 40.8160 14.4302 0.18
2016/04/09 06:37:23 -0.1 40.8210 14.4305 0.15
2016/04/09 06:15:07 0.1 40.8253 14.4272 0.15
2016/04/09 05:49:38 0.3 40.8217 14.4303 0.55
2016/04/08 09:27:05 -0.1 40.8212 14.4252 2.41
2016/04/08 09:26:36 0.0 40.8187 14.4287 1.72
2016/04/08 01:00:09 0.4 40.8207 14.4270 0.53
2016/04/08 00:37:11 0.1 40.8162 14.4268 1.24
2016/04/08 00:23:38 -0.2 40.8238 14.4262 0.33

 Per i Flegrei sono stati catalogati i seguenti eventi registrati in data odierna con epicentro poco a sud della Solfatara ed ipocentro superficiale:
Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/04/20 08:44:23 -0.3 40.8223 14.1433 0.15
2016/04/20 08:42:25 -0.3 40.8233 14.1438 0.40
 


TERREMOTO AL VESUVIO POCHI MINUTI FA
Ore 11.40
Dopo un periodo di straordinaria quiete durato molti giorni, almeno per quanto ci è dato osservare dai sismogrammi, ritorna con un terremoto il Vesuvio.

Sismogramma evento visibile su BKE prima del disturbo dovuto al passaggio del famoso bus turistico:




19/04/2016 IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE RISPONDE IN DATA ODIERNA DOPO LA NOTIFICA DELLA DECISIONE CHE LI HA VISTI SOCCOMBENTI

Cosa avevamo chiesto al DPC: rendicontazione scientifica sui vulcani campani I e II semestre 2015.

Documento contenente dati ambientali quali, ad esempio, terremoti VT, LP; geochimica fumarole; livello falde acquifere e temperatura; inclinazione suolo, etc.. Dati qualificati tali dalla Commissione e, pertanto, sottoposti alla disciplina del DLGS 195/2005, con tutte le conseguenze del caso ivi compresa la loro tempestiva pubblicazione e comunicazione ai cittadini. Oltre agli obblighi di pubblicazione sui portali web. Ultimo inciso: i dati richiesti interessano centinaia di migliaia di cittadini esposti a pericolo di vita.

Ieri avevamo notificato al DPC il provvedimento a Noi favorevole.

Oggi risponde il dr. Fabrizio Curcio dicendoci, in sostanza, due cose: la Rendicontazione relativa al I semestre 2015 "non è ancora pervenuta, in forma ufficiale, a questo Dipartimento"; la Rendicontazione relativa al II semestre 2015 "non è ancora nella disponibilità di questa Amministrazione".

Poi precisa che in realtà l'iter procedimentale è alquanto complesso e che la Rendicontazione del I semestre 2015 è sì pervenuta al Dipartimento ma è ancora "all'esame dei referenti".
Chi sono questi referenti? Sono persone di INGV e DPC nominate ai sensi dell'art.3 della famosa convenzione DPC-INGV 2012-2021. Essi, come chiarisce il dr. Curcio, "una volta effettuato compiutamente il dovuto esame delle informazioni e dei vari dati documentali al vaglio, provvedano a sgenalare eventuali criticità ed esprimano pareri tecnici sulla congruenza di quanto fatto rispetto al piano di attività. Successiva,mente, per la parte di competenza di questo Dipartimento, viene raccolto il lavoro effettuato dai detti referenti e preparata una nota di sintesi condivisa con gli uffici competenti della scrivente Amministazione, posta alla firma del Capo del Dipartimento per l'approvazione finale ed il nulla osta al pagamento di quanto previsto in convenzione".
In definitiva, conclude il dr. Curcio, non si è ancora formato il "documento amministrativo" di cui avevamo chiesto l'accesso ed è questo il motivo per cui non ci viene ancora inviato.
Ma quando il DPC adempirà?
Qui viene il bello: "quando", dice proprio così il dr. Curcio, "quando" si sarà concluso l'iter procedimentale anzidetto.
In pratica, sine die.
In pratica non esiste un termine.

Esistono termini, regole, decadenze, lacci, lacciuoli, ostacoli...ovunque nel Nostro Ordinamento ma...non esiste, in questo caso, un termine.

Orbene sapete che vi ho informato adeguatamente del cambiamento della Convenzione sul punto e che per quest'anno INGV dovrà inviare al DPC entro il 31 luglio 2016 la Rendicontazione I semestre 2016, mentre manca ancora un termine per quella finale.

E' comunque incredibile come il DPC certifichi che al 19 aprile 2016 l'INGV NON ha ancora trasmesso la rendicontazione del II semestre 2015.
Bene.
Un saluto a tutti
GD



18/04/2016 ENNESIMA VITTORIA LEGALE DEL GESTORE DEL SITO CONTRO IL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

Chi ci segue sa che eravamo in attesa dell'esito del ricorso presentato contro il diniego di accesso alla rendicontazione scientifica dei vulcani campani I e II semestre 2015. Il documento, formato da INGV e trasmesso al Dipartimento, ci è stato negato col meccanismo del silenzio rigetto.
Purtroppo, e lo diciamo con rammarico, siamo stati costretti di nuovo ad adire le vie legali e, ancora una volta, abbiamo vinto.
A seguito di ricorso presentato dal gestore del sito, avvocato Giuseppe D'Aniello, il Dipartimento dovrà ora trasmetterci il documento richiesto.

Ricordo a tutti che si tratta di quei famosi Rendiconti scientifici da cui abbiamo appreso tanti dati altrimenti ignoti.

Ve ne daremo conto non appena il Dipartimento ci trasmetterà il/i documento/i.


E' triste dover agire in via legale contro la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento di Protezione civile per ottenere documenti contenenti dati ambientali che dovrebbero essere resi pubblici sui portali web di INGV e DPC.

E' una vittoria, ma a Noi non piacciono vittorie come queste !

GD

 


17/04/2016 DAI NOSTRI ARCHIVI VIDEO DEL 2008 QUANDO UN SOMMOZZATORE AFFERMA CHE VI ERA UN NOTEVOLE AUMENTO DELLE FUMAROLE SOTTOMARINE DA NISIDA A TORRE DEL GRECO CON PRESENZA DI ZOLFO
Un video da vedere, ascoltare. Un video che fa riflettere. Non tanto per la dichiarazione del giornalista sui segnali di risveglio del Vesuvio che riteniamo quantomeno "affrettata", ma quella del sommozzatore che afferma di lavorare per O.V. e che si lascia andare in dichiarazioni che avrebbero dovuto allertare una sorveglianza e monitoraggio speciale delle fumarole sottomarine.
Oggi, come ho dimostrato più volte, quelle fumarole di Torre del Greco non hanno un monitoraggio in continuo, né ci risulta vengano monitorate. Almeno i dati diffusi da O.V. ed i rendiconti scientifici ci dicono che è così.
Sappiamo anche che esisteva in passato un monitoraggio delle fumarole di Torre del Greco.
Ma vi lasciamo al video postato sul Nostro canale Youtube.


15/04/2016 SPECIALE: STUDIO 2016 SUI TREMORI AL VESUVIO - OTTENIAMO DAL DR. MARIO LA ROCCA UNA COPIA DELLO STUDIO
Speciale esclusivo METEOVESUVIO

15/04/2016 AGGIORNATO IL SITO O.V.: il dr. Marcello Martini svolge le funzioni di Direttore in virtù della nomina a Commissario del sezionale - IL DIRETTORE GENERALE INGV NELLA GIORNATA DI IERI HA DISPOSTO CON EFFETTO IMMEDIATO LA RIMOZIONE DEL DR. DE NATALE DA DIRETTORE AFFIDANDO LA DIREZIONE AL COMMISSARIO DR. MARCELLO MARTINI

Link al Decreto dirigenziale del dr. Massimo Ghilardi che ha dato esecuzione al provvedimento del Consiglio di Stato.



14/04/2016
+++ DUE AVVISI A FIRMA DEL DR. DE NATALE SULLA HOME PAGE DI O.V. DANNO IL VIA AL PROGETTO MURAVES - VESUVIO AI RAGGI X COI RAGGI MUONICI +++

In pratica si tratta di un progetto avviato in via sperimentale al Vesuvio nel 2013 che viene reso definitivo. E' una tecnica utilizzata in Giappone che consente, in parole semplici, di effettuare tramite installazioni di particolari strumentazioni,una radiografia con risoluzione fino a 10 metri della struttura interna del Vesuvio. Ricordo che, 
ad es. Tomoves riuscì ad acquisire dati con una risoluzione di circa 300 mt. Un pò troppi per scovare la presenza di eventuali camere magmatiche o cavità più superficiali e piccole rispetto a quella che viene data per certa posta ad 8KM molto vasta. La conoscenza delle cavità e della struttura interna del Vesuvio è di fondamentale importanza.
Approfitto per comunicare agli utenti che entro il fine settimana provvederò a pubblicare uno speciale ulteriore sui tremori ed eventi LF-LP al Vesuvio con nuove rivelazioni.



14/04/2016 CLAMOROSO: IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE IL RICORSO DI INGV: L'OSSERVATORIO VESUVIANO E' DI NUOVO COMMISSARIATO ED IL DR. DE NATALE NON E' PIU' DIRETTORE

Clamoroso colpo di scena. L'INGV impugna il provvedimento del TAR Campania- Napoli innanzi al Consiglio di Stato che accoglie la richiesta di sospensione. In pratica, l'Osservatorio Vesuviano e' di nuovo commissariato ed il dr. Giuseppe De Natale non è più Direttore dell'Osservatorio Vesuviano. Udienza di merito fissata al 23/06/2016. Intanto il Decreto del CdS è immediatamente esecutivo e dunque il dr. Marcello Martini è di nuovo Commissario ed il dr. De Natale non è più Direttore.
Provvedimento del Consiglio di Stato:



N. 01253/2016 REG.PROV.CAU.

N. 02837/2016 REG.RIC.

logo

REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)


Il Presidente

ha pronunciato il presente

DECRETO

sul ricorso numero di registro generale 2837 del 2016, proposto da: 
Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, rappresentato e difeso per legge dall'Avvocatura Generale dello Stato, domiciliata in Roma, Via dei Portoghesi, 12; 

contro

Giuseppe De Natale; 

nei confronti di

Marcello Martini;

per l’annullamento

e/o la riforma dell’ordinanza T.A.R. Campania (Sezione Quarta), 24/03/2016, n. 491/2016, con la quale è stata accolta la domanda proposta dal De Natale, nel ricorso R.G. n. 929 del 2016, per l'annullamento previa sospensione dell'efficacia, della deliberazione del CdA dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia n° 214 del 17 febbraio 2016, con cui è stato disposto con effetto immediato il commissariamento della Sezione dell’Osservatorio vesuviano di Napoli; nonché del Decreto n° 102 del 18 febbraio 2016 del Direttore Generale INGV che ad essa da esecuzione.- mcp


Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Vista l'istanza di misure cautelari monocratiche proposta dalla ricorrente, ai sensi degli artt. 56 e 98, co. 1, cod. proc. amm.;

Considerato che, da un primo sommario esame, sussistono i presupposti per la concessione della misura cautelare monocratica, in quanto, in relazione all’esigenza di assicurare la funzionalità dell’Osservatorio fino alla trattazione della domanda cautelare in sede collegiale fissata per la camera di consiglio del 23 giugno 2016, si rileva un pregiudizio di estrema gravità ed urgenza, derivante dalla sospensione dei provvedimenti di commissariamento della Sezione dell’Osservatorio vesuviano di Napoli disposta dal primo giudice.


P.Q.M.

Accoglie e fissa, per la discussione, la camera di consiglio del 23 giugno 2016.

Il presente decreto sarà eseguito dall'Amministrazione ed è depositato presso la Segreteria della Sezione che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Roma il giorno 13 aprile 2016



13/04/2016 BOLLETTINO MARZO 2016: VESUVIO CON DUE SCIAMI, FLEGREI CON PERMANENZA ANOMALIE
Vesuvio
L'Osservatorio Vesuviano rilascia il bollettino di marzo 2016. Si apprende da esso, perché non se ne fa parola, che nessun evento di tipo LF od LP è registrato, né alcun tremore. Nessun dato rilasciato con riferimento alla rete gravimetrica, né a quella dei tiltmetri installati. Dunque, nessuna anomalìa. In caso contrario, presumiamo che l'OV ne avesse reso debito conto nel bollettino ufficiale che rilascia.
Questo rassicura ed è quanto è ufficialmente riportato nel bollettino.

Registrati 131 terremoti e due sciami sismici. Due terremoti con mtd maggiore di 2 registrati l'11 marzo (mtd 2.1) ed il 21 marzo (mtd. 2.4) (con ipocentri superficiali +- 1km di profondità), come già noto a chi ci segue.
Apprendiamo che anche nel mese di marzo la fumarola FC2, per cui si dispone di un database di dati storico, non è stata monitorata. 
Nel bollettino leggiamo che a breve verrà installata una nuova stazione per il monitoraggio remoto ed in continuo di altra fumarola e che, anche per quanto riguarda la FC2, verrà stipulato un contratto con figura specializzata. I grafici che riguardano la FC2 sono fermi al novembre 2015.
Dopo le Nostre pressioni si sta finalmente iniziando ad effettuare un monitoraggio in continuo e remoto di alcune fumarole. Ma non basta. Chiediamo che anche le falde ed i pozzi vesuviani vengano dotati di stazioni di misura in continuo e trasmissione dei dati in remoto dei principali parametri: almeno il livello piezometrico e la temperatura acqua. Chiediamo anche il monitoraggio in continuo e remoto delle fumarole sottomarine: dal duomo vulcanico, a quelle di Torre del Greco.
Tutti i dati del monitoraggio geochimico, o almeno alcuni di essi, ben potrebbero essere pubblicati in tempo reale sul sito web.
Analizzando i dati della stazione che monitora in continuo la fumarola a sw, va detto che OV attribuisce le variazioni visibili a fattori stagionali ed atmosferici. Notiamo un picco nel rilascio di CO2 nei giorni 20-22 marzo.
Non vengono segnalate variazioni significative in nessuno dei parametri osservati.

Campi Flegrei
Permangono tutte le anomalìe geochimiche segnalate nei bollettini precedenti.
Pochi gli eventi registrati nel mese di marzo. Otto terremoti di bassa magnitudo.
Permane il trend del sollevamento del suolo.  Così come permane l'inaccessibilità fisica all'area Pisciarelli a causa di uno sprofondamento ed allargamento della zona interessata dalle emissioni.
Rimandiamo alla lettura del bollettino ufficiale INGV OV.

Inseriamo in home page, in via sperimentale, i grafici relativi alla fumarola monitorata in continuo pubblicati nei bollettini mensili da INGV OV Napoli.
 

08/04/2016 AGGIORNATI TERREMOTI VESUVIO AL 7 APRILE - NUOVO SPECIALE CLAMOROSO: TREMORE VULCANICO AL VESUVIO ED AI FLEGREI - TERREMOTI LF/LP.

A questo link lo speciale sul tremore vulcanico al Vesuvio ed ai Flegrei.


Nel frattempo OV aggiorna le catalogazioni terremoti  al 7/4 ore 04.09.17 secondi UTC. Abbiamo aggiornato i grafici in home.

Dal 1 a 7 aprile, all'ora precisata, sono stati registrati 32 terremoti. Notiamo, oltre agli eventi più energetici, come la profondità media degli eventi di aprile sia relativamente più elevata rispetto al solito. Tuttavia non si notano eventi particolarmente profondi ma confinati nei 2km. Sappiamo della piccola sequenza di eventi LF di febbraio con ipocentro a circa 5 km.
Il dato mensile dell'energìa liberata si attesta sui 30MJ.

Eccovi le catalogazioni tratte dal sito OV, catalogo Plinio:

Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/04/07 04:09:17 0.3 40.8175 14.4373 0.83
2016/04/06 15:04:54 0.3 40.8167 14.4197 0.34
2016/04/05 19:41:20 0.3 40.8282 14.4025 1.81
2016/04/05 19:07:36 -0.1 40.8257 14.4242 0.62
2016/04/05 18:45:46 0.5 40.8192 14.4268 0.56
2016/04/05 05:53:41 0.2 40.8217 14.4255 0.05
2016/04/05 05:52:13 0.0 40.8242 14.4250 0.59
2016/04/05 05:51:29 1.6 40.8227 14.4260 0.23
2016/04/04 20:58:35 2.3 40.8237 14.4253 1.39
2016/04/04 20:49:55 2.4 40.8230 14.4245 1.37
2016/04/03 23:09:59 1.0 40.8167 14.4258 2.09
2016/04/03 22:44:57 0.0 40.8167 14.4243 0.44
2016/04/03 22:42:23 0.1 40.8145 14.4273 0.42
2016/04/03 22:33:56 0.8 40.8150 14.4300 0.55
2016/04/03 22:04:24 0.0 40.8200 14.4333 0.06
2016/04/03 21:17:25 0.8 40.8207 14.4278 0.38
2016/04/03 06:17:16 -0.2 40.8102 14.4410 1.96
2016/04/03 06:16:24 0.9 40.8162 14.4302 1.96
2016/04/02 18:15:09 0.7 40.8222 14.4235 1.29
2016/04/02 04:56:38 -0.2 40.8157 14.4292 0.08
2016/04/02 04:19:58 0.2 40.8170 14.4232 0.06
2016/04/01 23:59:15 1.1 40.8178 14.4238 1.44
2016/04/01 22:23:36 1.6 40.8300 14.4303 0.06
2016/04/01 22:23:18 0.0 40.8313 14.4250 0.26
2016/04/01 20:32:36 -0.1 40.8152 14.4312 0.32
2016/04/01 01:57:56 -0.4 40.8145 14.4390 0.06


05/04/2016 IL VESUVIO TREMA: REGISTRATI DUE TERREMOTI NELLA NOTTE DI MTD 2.4 E 2.3 . IN MATTINATA ALTRO VENTO CON MTD 1.6.

C
onsentiteci una breve premessa.
Siamo stati fuori zona per lavoro in quel di Prato e non ci è stato possibile aggiornare il sito per due giorni.
Sulla pagina facebook abbiamo dato la notizia dei terremoti di ieri sera quasi in tempo reale. I "soliti" disturbatori seriali hanno cercato ora di attribuire al Matese ora di sottostimare notevolmente gli eventi. Avevamo indicato gli eventi come "intensi" e tali sono stati catalogati finalmente da poche ore da INGV OV Napoli.
Sismogramma eventi:



Nei primi momenti, la sala operativa INGV su Iside aveva catalogato il secondo terremoto delle ore 22.58.35 sec ora locale con mtd 1.4 e profondità di 4km mentre per alcune ore nessuna notizia veniva data per l'evento più energetico delle 22.49.55.
Da notare come su Isisde NON , ripetiamo, NON è stata mai effettuata catalogazione di eventi del Vesuvio se non molto ma molto raramente e per qualche evento di mtd superiore a 2.0.
Ricordiamo ancora che gli eventi di mtd superiore a 2.0 vengono comunicati d'ufficio ed immediatamente ai Comuni della zona Rossa.
Sulla pagina FB avevavo espresso forti perplessità sulla mtd 1.4 attribuita al secondo evento sulla scorta di precedenti osservazioni.
Dopo qualche ora anche l'evento più energetico veniva catalogato dalla sala operativa INGV con mtd 2.2.
Ora arrivano le catalogazioni ufficiali INGV Osservatorio Vesuviano che confermano pienamente tutte le nostre perplessità sulle prime catalogazioni: l'evento delle 22.49.55 ha avuto una mtd pari a 2.4, mentre il successivo delle 22.58.35 ha avuto una mtd pari a 2.3. Dunque un upgrade delle mtd nel primo caso di 0.2 e nel secondo di 0.9.

Eccovi le catalogazioni INGV Napoli dei tre eventi effettuate da INGV Osservatorio Vesuviano:

 

Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/04/05 05:51:29 1.6 40.8227 14.4260 0.23
2016/04/04 20:58:35 2.3 40.8237 14.4253 1.39
2016/04/04 20:49:55 2.4 40.8230 14.4245 1.37


A quindici giorni di distanza dall'evento di mtd 2.4 del 21/03/2016, dunque altri due eventi con mtd >2.0.

Ribadiamo ancora che METEOVESUVIO è sito indipendente che si regge sull'autofinanziamento dell'autore e gestore unico avv. Giuseppe D'Aniello. NON vendiamo pubblicità, né inseriamo banner di alcun tipo sul portale.


Prendiamo le distanze dai siti che fanno titoloni allarmanti, così come riteniamo inqualificabili quelle "testate giornalistiche" locali che minimizzano gli eventi pur di adottare linee editoriali che non ci esimiamo dal definire "ridicole" e "pericolose".

Un messaggio anche a tutti quei personaggi (pochi, per la verità) che sotto mentite spoglie sono presenti sulla pagina Facebook: non ci fermerete. La Nostra politica è e rimane quella della massima divulgazione possibile dei dati raccolti dalle reti di monitoraggio ed una sana critica al monitoraggio del Vesuvio che, quanto alla geochimica, rimane insoddisfacente.

Torneremo a breve con un approfondimento dopo aver rivisto alcuni dati.
GD

 


02/04/2016 TERREMOTI NELLA NOTTE AL VESUVIO - CATALOGATI EVENTI AL 31/03/2016
Ore 20.30
Riportiamo, in unico sismogramma, alcuni eventi registrati al Vesuvio nelle ultime ore. In giallo gli eventi come registrati su VCNE. L'evento più energetico, cerchiato in rosso, è stato registrato anche da OVO.
Per il resto si tratta di eventi dalla natura non chiara.


Ore 8.00

Nella notte sono stati registrati alcuni eventi al Vesuvio. Postiamo i sismogrammi degli eventi. Nel primo, in giallo, anche evento della stazione BKE delle ore 5.47 circa (ora locale). Il più rilevante è l'evento delle 22.23.35 secondi circa di ieri sera, preceduto da piccolo evento. In particolare, l'evento è visibile sulle tre stazioni online e, sulla scorta di precdenti osservazioni, potrebbe avere una magnitudo tra 1.3-1.5. Altro evento registrato da tutte e tre le stazioni è quello in basso nel primo sismogramma dalla forma d'onda non tipica. La mgnitudo degli altri eventi sembra molto bassa. Trattasi di microsismicità.


Aggiornati grafici in home Vesuvio al 31/03/2016.


01/04/2016 PRESUNTO CRATERE SOTTOMARINO CASAMICCIOLA: COMUNICATO UFFICIALE INGV OV
Ore 7.30
Riportiamo il testo integrale del comunicato ufficiale che compare sul sito OV INGV Napoli:

"

Macchia al largo di Casamicciola

Giovedi 31 Marzo 2016

Oggi, 31/03/2016 è stata effettuata una ricognizione nel tratto di mare prospicente il porto di Casamicciola, nel luogo dove ieri era stata notata una macchia più chiara visibile anche da grande distanza. I dott. Caliro e Carandente hanno effettuato una serie di misure dei parametri fisici dell’acqua, dalle quali non è emerso nulla di anomalo. Neanche la chiazza più chiara risultava visibile. Si può quindi escludere che il fenomeno riscontrato fosse di origine vulcanica."


A 24 ore di distanza viene effettuato un sopralluogo. Il fenomeno ormai non era più visibile. A quanto pare trattasi di sopralluogo che ha riguardato rilievi in superficie. Nessuno si è preoccupato, quindi, di andare a vedere cosa c'è in profondità nella zona interessata dal fenomeno. Link alla home page INGV OV.

Approfittiamo per segnalare che OV ha catalogato i terremoti al Vesuvio al 28/03/2016. Abbiamo aggiornato i grafici in home.
Un terremoto di bassissima mtd è stato registrato ai Flegrei il 29/03.
Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/03/29 12:57:04 -0.3 40.8227 14.1427 0.64


30/03/2016 REINTEGRATO IL DR. GIUSEPPE DE NATALE
Con decreto del 29/03/2016, il Direttore Generale dell'INGV, in esecuzione dell'ordinanza TAR Campania, ha reintegrato il dr. Giuseppe De Natale nelle funzioni di Direttore della sezione di Napoli dell'INGV - Osservatorio Vesuviano.

25/3/16 Dopo lettura integrale del provvedimento, rettifichiamo la news precisamo che il TAR ha sospeso e non annullato il provvedimento di commissariamento. Si tratta di precisazione di natura tecnica che, però, non cambia la sostanza.



Dunque, dopo aver avuto modo di leggere integralmente il provvedimento, interveniamo con questa breve nota.

Il TAR entra nel merito della vicenda sollevando dubbi proprio sulla relazione  e questionari dei dipendenti INGV di Napoli.  Ma cosa aveva detto INGV nella delibera n.214/2016 nel commissariare l'Osservatorio Vesuviano. Leggiamolo insieme:

"
"

Leggiamo ora cosa ha detto il TAR (formattazione testo Nostra):

"[...]Ritenuto che il ricorso appare sorretto da adeguato fumus boni juris, risultando fondata nei limiti della sommaria cognizione cautelare la censura di cattivo uso del potere di controllo e vigilanza;
Rilevato in particolare che il disposto commissariamento non è basato su elementi che denotano una impossibilità di gestione oggettiva dell’ente, ma si ricollega unicamente a quanto emerso dalla elaborazione di questionari anonimi , somministrati ai dipendenti dell’Osservatorio vesuviano da parte del Dipartimento di studi umanistici dell’Università Federico II di Napoli, sul benessere organizzativo, il quale è giunto a conclusioni non univoche sulla gravità della situazione emersa, e tantomeno sulla
riferibilità della stessa all’organo di vertice (cfr. relazione versata in atti);
Ritenuto, peraltro, che gli ulteriori elementi indicati dall’amministrazione quali indici di un clima di conflittualità tra il Direttore ed una parte del personale di ricerca ( peraltro esposti solo nelle difese giudiziali ,sì da rappresentare una motivazione postuma dell’atto ) rafforzano la censura di sviamento di potere, essendo –qualora fondati- indice di difficoltà di gestione soggettiva dell’Istituto, eventualmente ricollegabile alla fattispecie di cui all’art. 25 del regolamento per il personale, da contestare nei modi e tempi ivi disciplinati;
Considerato che la domanda cautelare va accolta, fissandosi per la trattazione del merito la pubblica udienza del 12 ottobre 2016;
Ritenuto che le spese della presente fase cautelare seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo;
P.Q.M.
Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta)
Accoglie la suindicata domanda cautelare e per l'effetto:
a) sospende il provvedimento in epigrafe;
b) fissa per la trattazione di merito del ricorso l'udienza pubblica del 12 ottobre 2016;
Condanna l’amministrazione resistente al pagamento delle spese della presente fase cautelare, che liquida in Euro 500,00.
La presente ordinanza sarà eseguita dall'Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti."

Dunque, il TAR non solo si ritiene competente per materia a decidere sul ricorso, ma entra nel merito della relazione sostenendo che sulla elaborazione dei questionari anonimi il Dipartimento della Federico II " è giunto a conclusioni non univoche sulla gravità della situazione emersa, e tantomeno sulla riferibilità della stessa all’organo di vertice (cfr. relazione versata in atti)".

Quello che sorprende è che, nella sostanza, evitando ora di entrare in questioni di puro diritto, il TAR smentisce il CdA di INGV.
E lo fa reinterpretando quella relazione sui questionari sulla scorta della quale l'intero CdA INGV, all'unanimità,  aveva fondato il Commissariamento stanti le "gravissime criticità nella Direzione della sezione [...]".


Per ora ci fermiamo qui.
GD




24/03/2016 IL TAR CAMPANIA SOSPENDE  IL COMMISSARIAMENTO DELL'OSSERVATORIO VESUVIANO
Ore 21.00
Con ordinanza pubblicata in data odierna, il TAR Campania, in sede cautelare, ha sospeso il provvedimento di commissariamento adottato dall'INGV. Il dr. Giuseppe De Natale, dunque, potrebbe essere reintegrato, a breve, nelle funzioni di Direttore dell'Osservatorio Vesuviano.
Il TAR ha fissato la discussione del merito del ricorso proposto dal dr. De Natale per l'udienza del 12 ottobre 2016, ben oltre la naturale scadenza del mandato di De Natale da Direttore dell'Osservatorio Vesuviano (agosto 2016).
Ora, INGV potrebbe impugnare l'ordinanza resa dal TAR che ha ritenuto, tra l'altro, sussistente la propria competenza.
Seguiremo la vicenda.
Fatto sta che adesso temiamo che i progressi introdotti dal Commissario dr.Martini possano andare perduti. E ci riferiamo, per quanto ci riguarda, alla probabile reintroduzione del ritardo di 10 minuti nei sismogrammi online, ritardo introdotto proprio dal dr. Giuseppe De Natale.

Staremo a vedere.



24/03/2016 SCIAME SISMICO AI FLEGREI
Ore 13.45
Un breve sciame sismico è stato registrato ai Flegrei pochi minuti fa. Intorno alle ore 12.00 ore locali, sono stati registrati tre eventi con mtd tra 0.5 e 0.6. L'epicentro è poco a sud della Solfatara / Accademia Militare, zona via Napoli. La profondità è intorno a 1.2/1.7km.

Postiamo un sismogramma con evidenziazione in rosso degli eventi e catalogazione INGV Napoli che è stata quasi immediata.


 
23/03/16 SCIAME EVENTI LF A BASSA FREQUENZA AL VESUVIO IL 21 FEBBRAIO 2016 -ESCLUSIVA METEOVESUVIO: SISMOGRAMMA DELLO SCIAME LP COME REGISTRATO DA BKEV.

Avevamo chiesto al Commissario, nella lettera aperta, la indicazione e pubblicazione delle catalogazioni degli eventi LP o a bassa frequenza registrati al Vesuvio. Per chi non conoscesse l'importanza di tali eventi rimandiamo al Nostro speciale ove cerchiamo di spiegare cosa sia un evento LF, LP o VLP, la controversia con OV, cosa dice la comunità scientifica su questi eventi e la cadenza del loro accadimento al Vesuvio. Vi rimandiamo vivamente alla lettura dello speciale.

AVEVAMO SEGNALATO GLI EVENTI NELLA NEWS DEL 22/02/2016

Dal bollettino di Febbraio 2016, rilasciato poche ore fa, emerge che in data 21/02/2016 il Vesuvio ha fatto registrare uno sciame di almeno cinque terremoti LP. La profondità è stata determinata per un solo evento ed è stata di 5km. L'epicentro è in area craterica, ripetiamo a 5 km di profondità.
Rimettiamo di seguito stralcio del bollettino rilasciato da INGV NAPOLI OV:






ESCLUSIVA METEOVESUVIO
Postiamo di seguito il sismogramma che mostra come la stazione BKEV ha registrato lo sciame. Il sismogramma, prodotto da INGV Napoli OV, è tratto da Nostro archivio interno. Insomma, avevamo notato gli eventi. In esclusiva assoluta, quindi, forse per la prima volta, gli utenti web hanno la possibilità di constatare come è stato registrato dalle normali reti pubblicate su web uno sciame LF.



Nei giorni scorsi avevamo, ancora una volta, evidenziato l'importanza di disporre di un catalogo di tali eventi liberamente fruibile ed accessibile al pubblico. Questo non accade ancora. Tuttavia prendiamo atto dell'inserimento nel bollettino di tali eventi, cosa che non sempre accadeva in passato.
Con riferimento alla geochimica ed alla termalità dell'area monitorata, INGV OV non segnala anomalìe significative né si deducono dai grafici segni di cambiamenti nella dinamica della temperatura fumarola monitorata nè nella composizione geochimica con riferimento al flusso di CO2.
Quello che ci preme evidenziare è che da quando, su nostre costanti e continue pressioni, è stata installata la stazione multiparametrica che monitora una fumarola sul bordo cratere, non viene più monitorata la fumarola di fondo cratere FC2.
Per quanto ci riguarda la cosa è inaccettabile.

Nessuna variazione di rilievo anche alla stazione GPS BKE che misura il sollevamento del suolo.

Per quanto riguarda i Flegrei notiamo la permanenza su valori massimi dei dati anomali dei valori geochimici monitorati.





23/03/2016 AVVISO: GLI EVENTI DI STAMANE VISIBILI SU BKE SEMBRANO ESSERE DOVUTI A FULMINI E TUONI PER UN FORTE TEMPORALE ABBATTUTOSI IN ZONA
Ore 7.30 Stazioni sismiche VCNE ed OVO di nuovo Offline da questa notte.
Segnaliamo la catalogazione di tre terremoti ai Flegrei registrati il giorno 21/3/16.
Fonte: www.ov.ingv.it



Sismogramma BKE


21/03/2016 TERREMOTO NELLA NOTTE AL VESUVIO

Ore 15.00 INGV OV cataloga con mtd pari a 2.4 l'evento, profondità ad 1.16km (1.160 metri) ed epicentro di nuovo (come per l'evento di 2.1 mtd del 11.3.16)  in zona tra Torre del Greco e Trecase, base del Gran Cono.



ore 8.00 Tornano i segnali VCNE  ed OVO
Ore 06.45

Alle ore 03.42.12 sec. circa è stato registrato un terremoto al Vesuvio. Sulla scorta di precedenti osservazioni, sembra che l'evento possa avere una mtd intorno a 2.0. Rileviamo come siano offline sia VCNE sia OVOHHZ, mentre del tutto saturo è il segnale di Ischia. Pertanto non è stato possibile confrontare la registrazione sulle altre stazioni!
L'evento non è stato ancora catalogato da INGV OV, fermo con le catalogazioni al 12 marzo.
Eccovi il sismogramma dell'evento di questa notte (con evidenziazione in cerchio rosso) con l'aggiunta della registrazione, sempre BKE, dell'evento ctalogato poi con mtd 2.1 del giorno giorno 11/03/2016.





20/03/2016 SPECIALE SISMICITA' VESUVIO MARZO 2016: UN DATO SORPRENDENTE

In attesa del bollettino di febbraio, Noi ci portiamo un po avanti. Analizziamo la sismicità di questo mese di marzo che, numericamente, si va ad attestare su valori elevati. Abbiamo analizzato, rapidamente, la sismicità mensile degli ultimi sei anni, come da grafico in home.
Ora vi postiamo dapprima il sismogramma di alcuni terremoti registrati negli ultimi giorni.
Caratteristico l'evento di questa notte preceduto e seguito da due piccoli eventi gemelli.
Eccovi il sismogramma (in giallo l'evento di questa notte).






Ma ora veniamo all'analisi breve del dato sismicità di marzo 2016 e di un raffronto che lascia perplessi.


 Sapete che al 12 marzo 2016, l'Osservatorio ha catalogato 87 terremoti. Dal 12 marzo all'oggi, come rappresentiamo in rosso sul grafico che segue, stimiamo la registrazione di almeno altri 20 eventi, per cui il valore numerico (all'oggi 20 marzo) si dovrebbe attestare sui 110 eventi mensili circa.
Ciò detto, abbiamo "scoperto" un dato statistico che ha stimolato la Nostra riflessione odierna.
Orbene, negli ultimi sei anni, per ben quattro volte, il mese di marzo è quello che fa registrare, quasi sempre, il numero di terremoti più elevato.
Marzo 2010, 80 terremoti; marzo 2011, 144 terremoti; marzo 2012,  100 terremoti; marzo 2015, 140 terremoti, ed ora marzo 2016 che si appresta a siperare agevolmente la soglia dei 100.
Ovvio che sarà un caso, sarà pure così ma questa riflessione per significare che non c'è alcun motivo per allarmarsi o altro e che la cosa rientra, almeno per quello che osserviamo sui sismogrammi, nella dinamica degli ultimi anni del Vesuvio.
Resta inteso che non sappiamo, perché l'Osservatorio ad oggi non lo comunica, quanti e se vi siano terremoti di tipo LP o VLP tra quelli che vengono registrati. Nel catalogo reso disponibile questo dato non viene pubblicato.
Ma eccovi il grafico Nostro che abbiamo rielaborato per consentirvi una facile lettura e riscontro a quanto abbiamo sopra detto.
GD




15/03/2016 METEOVESUVIO PRENDE LE DISTANZE DA ALLARMISMI CHE GIRANO IN RETE SULLO STATO DEL VESUVIO
Siamo costretti ad intervenire e prendere le distanze da testate giornalistiche web che lanciano allarmi con titoloni su una imminente eruzione/esplosione del Vesuvio.
Nella maggior parte dei casi vengono riprese le parole del dr. Flavio Dobran che descrive, semplicemente, uno scenario eruttivo possibile in caso di risveglio del Vesuvio.  La descrizione del collasso di una colonna Pliniana e dei tempi probabili in cui tale collasso avverrebe non stanno a significare che il Vesuvio in 20 secondi distrugga intere cittadine. Descrivere una dinamica eruttiva con eruzione in corso è cosa differente dal descrivere tempi e modi di riattivazione, dopo una fase di quiescenza, del vulcano. Inoltre, aggiungiamo, non vi è alcuna certezza dei tempi e modi del collasso della colonna, né vi è certezza sul tipo di eruzione attesa. Aggiungiamo, infine, che in caso di eruzione esplosiva le incognite sulla durata, portata, elevazione e composizione di una colonna pliniana sono tantissime (tipo di magma che giunge in superficie, quantità di acqua disciolta, pressione, agenti atmosferici, venti, etc...).
Sul punto, ribadiamo, INGV comunica che non vi sono variazioni significative dei parametri monitorati e dunque, allo stato, non vi sono segnali che possano far pensare ad una eruzione imminente del Vesuvio.
Il Vesuvio è in stato di quiescenza con livello di allerta "verde", cioè, livello base con assenza di variazioni significative nei parametri monitorati.
Ci dissociamo, pertanto, espressamente da chi diffonde allarmismi sullo stato del vulcano.
GD


14/03/2016  EVENTI VESUVIO
Segnaliamo, nel sismogramma che segue, tratto come sempre dal sito www.ov.ingv.it, alcuni eventi registrati al Vesuvio nella giornata di ieri ed in mattinata.
In giallo l'evento di stamane che abbiamo aggiunto al sismogramma degli eventi di ieri.
Sembra possa trattarsi di terremoti di bassa magnitudo. L'evento in giallo di stamane, che sembra il più energetico, non dovrebbe superare 1.5 di mtd.
Eccovi il sismogramma:

 

13/03/2016 AGGIORNAMENTO E CATALOGAZIONE TERREMOTI VESUVIO
L'Osservatorio Vesuviano cataloga i terremoti periodo 1-12 marzo 2016. Il dato mensile si attesta a ben 87 terremoti registrati; per 64 è stato possibile determinare anche la profondità ed ipocentro. Il dato predittivo annuale balza a 1412 terremoti attesa la correlazione tra questo dato e l'andamento temporale del numero di terremoti (rimandiamo all'approfondimento sul grafico per chi non l'avesse ancora fatto).
E' bene ricordare che il numero di terremoti comprende tutti i terremoti registrati, mentre la somma delle magnitudo e gli altri dati sono legati ai terremoti per i quali O.V. è riuscito a determinare magnitudo, epicentro ed ipocentro (come da catalogo Plinio).
Emerge, dai dati, una sostanziale stabilità degli ipocentri ed epicentri. La profondità media è piuttosto superficiale con pochissimi eventi che toccano i 2km di profondità. La stragrande maggioranza viene registrata nella fascia che va da 0 a 1.000 metri di profondità sotto il vulcano. Anche gli epicentri sono localizzati quasi tutti in area craterica o base del gran cono.
L'energia liberata è comunque molto bassa attesta la bassissima magnitudo media. Cosa che ci aveva spinti ad elaborare il grafico della somma delle magnitudo reperibile sempre in home page.
Evidenziamo tre sciami registrati nei giorni 7, 9 ed 11 marzo. In realtà sembra possa parlarsi di sciame solo per il giorno 7 marzo con ben 33 terremoti; 11 quelli registrati il giorno 9 e 21 quelli registrati il giorno 11 (giorno in cui si è verificato l'evento con mtd 2.1).
Eccetto l'evento dell'11 marzo, tratatsi di sciami con prevalente microsismicità.

Che dire. Il Vesuvio prosegue con questa microsismicità superficiale. Sappiamo, come da articoli pubblicati sul sito, il ruolo che gioca il sistema idrotermale nella sismicità vesuviana. Noi ci limitiamo, come sempre, a riportare quanto osservato cercando di rendere più chiara possibile la lettura di quanto accade.

Tornando per un attimo all'evento di mtd 2.1 (la cui profondità è stata leggermente rivista da 1.1 a 0.96KM), gli utenti più avveduti che vanno a leggersi gli articoli che pubblichiamo, si saranno di certo chiesti se, in concomitanza con l'evento, ci sia stata qualche variazione di altri parametri. Ci riferiamo anche ai valori dell'inclinazione del suolo: qualcuno ricorderà che dai rendiconti INGV che ottenemmo grazie ad una vittoria legale contro INGV e DPC, lo stesso INGV OV ci disse che è stata riscontrata una correlazione tra le anomalìe nell'inclinazione del suolo ed i terremoti più energetici superficiali (per chi non l'avesse ancora letto, rimettiamo il link all'articolo pubblicato a suo tempo). Dunque, l'evento dell'11 marzo, in zona storicamente attiva del Vesuvio (la zona tra Torre del Greco e Trecase, ove insistono molti conetti eruttivi), ha prodotto una qualche variazione nell'inclinazione del suolo in quell'area? Non si sa.
E' Nostra convinzione che anche questi dati ambientali vadano pubblicati online in tempo reale sul sito istituzionale dell'INGV OV. 
Per ora ci femriamo qui.
Nota di servizio: a breve cercheremo di migliorare ulteriormente l'area dei grafici con delle "new entry".
GD

11/03/2016 Ore 10.40 TERREMOTO AL VESUVIO
Ore 22.00
In data 28/02/16 avevamo pubblicato questo grafico con i terremoti MTD >=2.0 dal 2002

Ore 11.30
Catalogato a 2.1 di mtd da O.V., profondità 1km, zona ovest cratere.
Dal sito O.V.



Comuni entro 10 km dall'epicentro (fonte www.ingv.it)

Le distanze sono calcolate in base alle coordinate geografiche del Municipio (Istat 2011).
Comune Prov Dist Pop
Trecase NA 5 9118
Boscotrecase NA 5 10416
Torre del Greco NA 5 85922
San Sebastiano al Vesuvio NA 5 9167
Massa di Somma NA 6 5587
Portici NA 6 55765
Boscoreale NA 6 27457
Torre Annunziata NA 6 43521
Ercolano NA 6 53677
Pollena Trocchia NA 6 13514
Terzigno NA 7 17367
Ottaviano NA 7 23543
Sant'Anastasia NA 7 27296
Somma Vesuviana NA 7 34592
San Giorgio a Cremano NA 8 45523
Cercola NA 8 18128
San Giuseppe Vesuviano NA 8 27467
Pompei NA 10 25440
Volla NA 10 22989
Poggiomarino NA 10 21206


Ore 10.40 - Dopo un bel po di mesi di microsismicità, il Vesuvio torna a far registrare un terremoto più rilevante. L'evento, registrato alle ore 10.25.06 secondi, ora locale, è ben visibile sui tre tracciati BKE VCNE ed OVO.

Come sempre vi riportiamo il sismogramma con la sovrapposisione della registrazione del segnale sulle tre stazioni.
Il terremoto segue una serie di micro eventi visibili sui tracciati in mattinata e nottata.
Il terremoto, sulla base di pregresse osservazioni, sembra avere una mtd compresa tra 1.7-2.0.
Attendiamo la catalogazione da parte di INGV.



10/03/2016 SISMOGRAMMI TERREMOTI DI NUOVO IN TEMPO REALE - ACCOLTO IL PRIMO PUNTO DELLA NOSTRA LETTERA APERTA

Il nostro plauso al Commissario dr. Marcello Martini che ha ripristinato il segnale in tempo reale dei sismogrammi delle reti di monitoraggio gestite da Osservatorio Vesuviano.
La cosa dimostra  la totale illegittimità, arbitrarietà ed infondatezza della decisione del dr. Giuseppe De Natale assunta all'indomani dello sciame registrato ai Flegrei nell'ottobre 2015.
Ricordo che avevamo chiesto al dr. Martini, con una lettera aperta e poi anche via mail, l'adozione di alcuni punti. Il primo è stato accolto e ringraziamo pubblicamente il buon senso mostrato dal Commissario sperando che ora si possa dare attuazione anche al secondo punto: la catalogazione in tempo reale, anche a mezzo dato preliminare, dei terremoti registrati al Vesuvio ed ai Flegrei, come accadeva prima dell'avvento del dr. Giuseppe De Natale che eliminò tale dato preliminare.
Un saluto a tutti
GD

09/03/16 - Ore 15.00 TERREMOTI VESUVIO
A partire da stamane sono stati registrati circa 6 eventi al Vesuvio. Sembra si tratti di terremoti di bassassima magnitudo. Due gli eventi che sembrano più energetici ma comunque di magnitudo contenuta (stimabile minore di 1.5).
Postiamo qui il sismogramma su cui abbiamo segnalato e riportato gli eventi registrati anche in mattinata:



09/03/2016
COSTRETTI AD ADIRE DI NUOVO LE VIE LEGALI CONTRO IL DPC

Abbiamo presentato ricorso contro il silenzio del Dipartimento della Protezione civile sulla Nostra istanza diretta ad ottenere la pubblicazione dei rendiconti scientifici anno 2015 (I e II semestre).

Si tratta di
quei rendiconti dai quali sono emersi, per gli anni precedenti, tanti dati ambientali rilevanti di cui non saremmo mai venuti altrimenti a conoscenza. Tra questi lo sciame di terremoti a bassa frequenza, l'inclinazione del suolo in zona Boscotrecase, le variazioni di falda in area Camaldoli, l'anomalia della fumarola nel 2014...e tanto altro ancora.
In dettaglio, in data 2 febbraio avevamo chiesto al Dipartimento la pubblicazione e/o trasmisisone delle predette rendicontazioni. Nessuna risposta è arrivata ed abbiamo presentato ricorso avverso il silenzio del DPC.
Vi aggiornaremo sull'esito.
GD


08/03/2016 DUE PARLAMENTARI DI SEL (NIKI VENDOLA) DIFENDONO IL DR. DE NATALE - INTERROGAZIONE AL MINISTRO IL 3 MARZO
Ricordo che in ogni caso ad agosto sarebbe scaduto il mandato del dr. De Natale da Direttore O.V.. Una sua eventuale vittoria legale contro INGV potrebbe essere effimera atteso che il CDA ben potrebbe con nuova delibera rimuoverlo e poi procedere a nominare un facente funzioni ad interim scelto all'interno Collegio di sezione OV ed avviare le procedure per nuove elezioni.
In tutto questo, per quanto ci interessa, De Natale o no, nulla sta cambiando. Il Commissario dr. Martini non risponde alle Ns. mail, il ritardo dei sismogrammi permane, le catalogazioni dei terremoti avvengono con giorni e giorni di ritardo, la divulgazione in tempo reale anche di altri dati (es. geochimica, temperatura fumarola monitorata in continuo) non c'è, così come manca il monitoraggio in continuo di pozzi, falde e delle altre fumarole del Vesuvio, per non parlare di quelle sottomarine che NON sono monitorate, a quanto risulta dai rendiconti INGV rinvenibili sul Nostro sito.

Link all'articolo e testo integrale interrogazione.

06/03/2016 IL MINISTERO AVREBBE CHIESTO CHIARIMENTI AL PRESIDENTE INGV - IL RUOLO DEL DR. GIUSEPPE MASTROLORENZO - ARTICOLO DE "IL FATTO QUOTIDIANO"
Eccovi un breve stralcio dall'articolo:
"
 Giuseppe Mastrolorenzo, intervistato da Rai3 il 4 dicembre 2013, fece una serie di accuse pesantissime. Denunciò il ricercatore: “A fronte delle nostre ricerche che hanno dimostrato la pericolosità dell’area e delle numerose sollecitazioni che ho fatto anche personalmente alle autorità di Protezione civile, alle commissioni competenti, alla Commissione grandi rischi, non è ancora disponibile alcun piano di emergenza per i Campi Flegrei, mentre per il Vesuvio è disponibile un piano di emergenza che comunque abbiamo dimostrato che è assolutamente inefficace e può essere addirittura un’ulteriore causa di rischio. Nei Campi Flegrei se la crisi iniziasse in questo momento, e una crisi può iniziare in qualsiasi momento, non si è assolutamente pronti a un’azione che possa porre in salvo la popolazione”.[....] 
Per “fugare ogni possibile dubbio residuo su tematiche di questa delicatezza e rilevanza”, l’allora capo della Protezione civile invitava l’Ingv a ribadire ufficialmente le sue posizioni anche “disconoscendo pubblicamente le dichiarazioni personali del ricercatore”. In seguito a questo intervento Mastrolorenzo fu punito e gli decurtarono lo stipendio" [...]
"Il repentino cambio di valutazione di Gresta non è passato inosservato al ministero della Ricerca tanto che il direttore generale
Vincenzo Di Felice ha invitato ancora una volta lo stesso Gresta “a fornire chiarimenti”".

Rimetto il link all'articolo completo pubblicato su "www.ilfattoquotidiano.it"


04/03/2016 
Scompare dai sismogrammi il nome del dr. Giuseppe De Natale

03/03/2016 Ore 14.45
+++ MANCHEREBBERO DEI TERREMOTI DALLA CATALOGAZIONE +++
Apprendiamo inoltre da fonti non univoche che il dr. Giuseppe De Natale avrebbe proposto ricorso giudiziario contro il provvedimento di commissariamento.

Intanto la dr.ssa Claudia Trose rimossa con decreto del dr. Martini dall'incarico di "Servizio di supporto all'attività di direzione", sostituita dal dr. Castellano.


Ma eccovi il grafico che mostra come manchino due eventi dalla catalogazione di febbraio 2016.



02/03/2016 UN CONFRONTO TRA IL LUOGO DELLE ANOMALIE IN MARE DEL MARZO 2015 E LA NOTIZIA DELLA PRESENZA DEL RIGONFIAMENTO VULCANICO

Dopo innumerevoli segnalazioni di utenti attenti memori della vicenda del marzo 2015, vi proponiamo un confronto diretto della zona interessata dall'anomalìa del marzo 2015 e la recente pubblicazione che rivela l'esistenza di zone vulcaniche attive, con tanto di rigonfiamento e fumarole, nell'area costiera tra Vesuvio e Napoli.

Troverete tutto l'articolo con immagini, mappe ed approndimenti a questa pagina

Intanto, INGV OV cataloga i terremoti al 29/02/2016 . Abbiamo aggiornato i grafici in home.




01/03/2016 CLAMOROSA SCOPERTA: UN DUOMO CON CONI SOTTOMARINI TRA IL VESUVIO E NAPOLI

Arriva una notizia che fa scalpore: un duomo vulcanico sottomarino localizzato tra il Vesuvio e Napoli.
Articolo completo, con video, mappe, immagini e dati
a questa pagina
.


 

28/02/16 NUOVO GRAFICO IN HOME: TERREMOTI VESUVIO CON MTD >=2.0 DAL 2002 AL 2016

Il grafico mostra in blu il numero dei terremoti registrati al Vesuvio con magnitudo superiore od uguale a 2.0, anno su anno dal 2002 all'oggi.

In rosso ho inserito, perché mi sembrava interessante, la profondità media dei terremoti, sempre anno su anno, in km.
Ho omesso gli anni dal 1999 al 2001 in quanto interessati da sismicità elevata a causa della grande crisi del Vesuvio dell'anno 1999.
Giusto per fornire un termine di paragone, nel 1999, anno della grande crisi in cui entrò il Vesuvio, furono registrati circa 55 terremoti con magnitudo superiore od uguale a 2.0.
Si tratta comunque di un database degli ultimi 14 anni. Spicca su tutti l'anno 2012 con 10 terremoti. La profondità media sembra in dimunizione, con sorgente degli eventi spostata sempre più verso la superficie.
Da notare come è del tutto normale, in quanto rientrante nella dinamica del vulcano, il verificarsi di terremoti con magnitudo superiore a 2.0, con una media di 3-4 eventi annui.  
Eccovi il grafico (riproduzione riservata © 2016):






26/02/16 INGV ADEMPIE E RIMUOVE IL DR. DE NATALE DAL SITO OV INGV QUALE DIRETTORE - ALTRA NOSTRA PICCOLA VITTORIA - PAGINA

25/02/16 GRAVE VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TRASPARENZA: IL DR. DE NATALE RISULTA ANCORA COME DIRETTORE SUL SITO OV -
ARTICOLO

23/02/16 SULLA PRESUNTA SCOSSA DI MTD 2.4 O 2.5 DI CUI SI LEGGE IN RETE
A quanto risulta dai sismogrammi resi disponibili da INGV OV, nonché da altre fonti, non risulta alcun terremoto di mtd 2.4 o 2.5 che sarebbe stato registrato al Vesuvio. Escludiamo, per quanto a Nostra conoscenza e per quanto osservabile dai sismogrammi, che si sia verificato tale terremoto. Ci dissociamo da chi diffonde tali notizie senza fondamento.
Eccovi il simogramma della mattinata tratto dal sito INGV Napoli con evidenziazione Nostra dell'orario in cui si sarebbe verificato l'evento. Nessuna traccia di terremoto o altro.




22/02/2016 TERREMOTI ED EVENTI AL VESUVIO
Segnaliamo, nel sismogramma che segue, alcuni tra i terremoti registrati al Vesuvio. Riteniamo che l'evento più energetico del 19/2/16 abbia avuto, sempre in via del tutto probabilistica, una mtd compresa tra 1.5.1.6. Abbiamo evidenziato anche uno strano evento in tre onde registrato da tutte le stazioni. Potrebbe trattarsi di una frana o altro.
Eccovi il sismogramma.

 
20/02/16 ORE 19.15  LETTERA APERTA AL DR. MARCELLO MARTINI
Ecco cosa chiediamo al dr. Marcello Martini come segnale di discontinuità con la gestione del dr. Giuseppe De Natale

Secondo la normativa vigente, il dato ambientale (terremoto, temperatura, geochimica, etc.) è pubblico e va reso immediatamente fruibile e disponibile a tutti i cittadini, a maggior ragione, aggiungiamo, a quelli esposti a concreto pericolo di vita in quanto abitanti in zona rossa (decisioni, in tal senso favorevoli su Nostri ricorsi contro INGV Napoli e DPC, della Commissione per l'accesso agli atti amministrativi  nn.3.27 del 17/06/2014 e 3.41 del 30/06/2015, Legge 241/90 ss.mm.ii e reg. att., DLGS 195/2005, DLGS 33/2013).
 
Rilevato, inoltre, che il monitoraggio in continuo delle fumarole, dei pozzi e delle falde vesuviane è atto dovuto  vista l'importanza di tale monitoraggio per la previsione, anche a breve-brevissimo termine, delle eruzioni vulcaniche e del Vesuvio in particolare che ha "storicamente" manifestato precursori proprio di natura geochimica (ad es.variazione livello acque pozzi),
                                             
                                                                                                 chiediamo

1. Immediato ripristino del segnale dei sismogrammi in tempo reale e relativa pubblicazione (dato differito per decisione del dr. De Natale).

2. Immediato ripristino delle catalogazioni dei terremoti di Vesuvio, Ischia e Flegrei in tempo reale nel catalogo Plinio on-line, anche a mezzo dato provvisiorio, come avviene per tutti i terremoti ed altri vulcani monitorati da INGV (catalogazioni non più in tempo reale per decisione del dr. De Natale).

3. Pubblicazione e catalogazione anche dei terremoti LP o VLP registrati al Vesuvio ed aggiornamento e pubblicazione dei cataloghi sismici BKE ed OVO.
4.Pubblicazione sul portale dei dati in tempo reale relativi alle temperature e composizione geochimica della fumarola bordo cratere acquiste dalla nuova stazione installata a novembre 2015 su Nostre pressanti richieste.

5. Monitoraggio in continuo e tempo reale della temperatura e livello piezometrico delle acque dei pozzi vesuviani con pubblicazione dei dati in tempo reale sul portale web.

6. Monitoraggio in continuo della composizione delle acque delle falde acquifere vesuviane e delle fumarole sottomarine di Torre del Greco e pubblicazione dei dati sul portale web.

7. Monitoraggio in continuo della fumarola FC2 fondo cratere e delle altre fumarole presenti sul bordo del cratere con pubblicazione online dei reativi dati in tempo reale.

I primi due punti non richiedono alcun intervento aggiuntivo e sono attuabili da subito.

Nell'augurare buon lavoro al Commissario, confidiamo in un pronto riscontro a quanto sopra, sperando di poter instaurare un clima di reciproca stima e collaborazione, nell'interesse di tutti.

Boscoreale, 20/02/2016

Giuseppe D'Aniello per  METEOVESUVIO http://meteovesuvio.altervista.org



SIAMO I PRIMI A DARE LA NOTIZIA



17/02/2016 -
LO SMITHSONIAN INSTITUTION CONFERMA: IL VESUVIO ERA IN ERUZIONE NEL 1570 E 1500! - ARTICOLO


12/02/16 PICCOLO SCIAME IN ATTO AL VESUVIO
Ore 19.35.
E' in atto, al Vesuvio, un piccolo sciame sismico. Gli eventi, tutti di bassa magnitudo, hanno avuto inizio alle ore 16.52.35 secondi circa.
Attendiamo l'evolversi della situazione. Postiamo il sismogramma eventi (in giallo evento tracciato BKE 12-16 UTC).
INGV Osservatorio Vesuviano non ha ancora catalogato lo sciame.
Segnaliamo che da 1 al 10 febbraio INGV ha catalogato 11 eventi al Vesuvio. Aggiorneremo a breve i grafici in home.

11/02/2016 TERREMOTI AD ISCHIA NELLA NOTTE - SEGNALATO ANCHE UN BOATO
Ore 18.00
Catalogato l'evento più energetico registrato ad Ischia. Epicentro in zona Casamicciola, mtd 0.7 e profondità a circa 3k. Eccovi i dati dal sito OV:
Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/02/10 23:25:26 0.7 40.7467 13.9013 3.32

Ore 8.30
Alle ore 00.25.32 secondi circa, ora locale, è stato registrato un terremoto ad Ischia. L'evento, secondo alcune segnalazione pervenuteci, sarebbe stato avvertito dalla popolazione di Casamicciola e sarebbe stato accompagnato anche da un boato. I sismografi hanno registrato poi altri due terremoti di intensità minore.

Per ora non si hanno altre notitzie, né INGV Napoli Osservatorio Vesuviano ha catalogato gli eventi. Ma eccovi il sismogramma degli eventi:



Stante l'assenza di segna della stazione di Pozzuoli STHV abbiamo inserito in home il segnale della stazione di Baia.

10/02/2016 L'OSSERVATORIO VESUVIANO ANNUNCIA L'INSTALLAZIONE DI NUOVA STAZIONE IN CONTINUO PER MISURARE DATI GEOCHIMICI DELLE FUMAROLE DEL VESUVIO - CI ARRIVANO MOLTO TARDI MA QUESTA E' UN'ALTRA VITTORIA DI METEOVESUVIO PER I CITTADINI VESUVIANI E NON SOLO - STUDIO INTERNAZIONALE: LA GEOCHIMICA DI UN VULCANO VA MONITORATA ANCHE PIU' DELLA SISMICITA'! - VULCANO FLEGREO CON ANOMALIE GEOCHIMICHE SUI MASSIMI DI PERIODO

Il fatto più importante dell'ultimo bollettino mensile INGV NAPOLI Osservatorio Vesuviano è l'annuncio della installazione, a breve, di altra stazione per il monitoraggio geochimico in continuo alle fumarole del Vesuvio e della stipula di un contratto con personale specializzato. Ma leggiamo dal bollettino:
"

"
Abbiamo denunciato tante volte da queste pagine la mancanza di un idoneo monitoraggio geochimico in continuo e di come fosse importante la sorveglianza geochimica. Da ultimo vi riportiamo un recente studio internazionale(anche con personale INGV) richiamato dalla rivista Focus (www.focus.it) che conclude così:

"
Mike Stock, del dipartimento di scienze della Terra dell’università di Oxford, ritiene che «i risultati della ricerca suggeriscono che forse è meglio fare affidamento sul monitoraggio dei gas che fuoriescono in prossimità di un vulcano piuttosto che sull’attività sismica e le deformazioni del suolo. Quando il magma della camera magmatica entra in ebollizione, la composizione dei gas che arrivano in superficie cambia, e questo può diventare il segnale di un’eruzione imminente»

Pensate che al Vesuvio, come spieghiamo ampiamente in queste pagine, esiste solo da novembre 2015, dopo Nostre denunce pubbliche e ricorsi, una stazione che monitora in continuo una sola fumarola del bordo cratere. Le altre misurazioni riguardano la sorveglianza in continuo della termalità di un'area interna al cratere, della termalità di due fumarole; misurazione saltuaria (alcune volte l'anno) della gecohimica e parametri della fondamentale fumarola FC2 di fondo cratere. I pozzi e le falde hanno misurazioni da parte di INGV Palermo pare due volte l'anno, mentre esiste una misurazione del livello piezometrico di alcuni pozzi ma non in remoto, a quanto ci è noto (vedere le relazioni semestrali che Noi pubblichiamo).

Tornando al bollettino mensile, riguardo al Vesuvio non si segnala nulla di nuovo e di rilevante.
Per i Campi Flegrei, notiamo che vi è  un cambiamento morfologico alla fumarola Pisciarelli, con uno sprofondamento. I dati dei parametri geochimici misurati confermano le forti anomalìe in atto, con valori sui massimi di periodo, sia per le temperature che per il flusso di Co2.

07/02/2016 ANOMALI SEGNALI SISMICI FLEGREI: RISOLTO L'ENIGMA. IN CORSO OPERAZIONE "SISMICA". COINVOLTA LA NAVE "MINERVA UNO" DELLA FLOTTA SOPROMAR SPA - TUTTI I DETTAGLI
Ore 14.00
Grazie ad una segnalazione che abbiamo ricevuto, trova conferma la Nostra ipotesi circa l'origine delle anomalìe sismiche ai Flegrei.

Vi sveliamo tutti i dettagli di ciò che sta accadendo, anche se restano alcuni misteri.
Procedendo con ordine: dal giorno 27 gennaio abbiamo notato delle anomalie sismiche sulle stazioni di Pozzuoli e Baia. Dopo un'attenta analisi avevamo individuato in una fonte "mobile" il responsabile delle predette anomalìe. Dopo la Nostra news, alcuni giornali, senza citare la fonte (!!!), avevano ipotizzato che si trattase di un esperimento  del CNR in corso nel golfo da parte di una nave.

Ora Noi di Meteovesuvio vi forniamo la prova provata di ciò che sta accadendo.


La nave Minerva Uno della flotta gruppo SOPROMAR SPA sta effettuando un'operazione "sismica" nel golfo.

L'operazione non è indicata in alcun sito web istituzionale, INGV o CNR, né sul sito della Guardia Costiera, Capitaneria di porto di Napoli. Curioso che sul sito di quest'ultima siano presenti ordinanze delle più varie regate ma non vi è traccia dell'attività della Minerva Uno che, come si vede chiaramente dalla mappa, intreccia le rotte di navi e traghetti!

Tornando all'attività cella Minerva ci sembra evidente che si tratta di esplosioni, forse effettuate con cannoni ad aria compressa, il cui scopo potrebbe essere quello di una mappatura stratigrafica del fondale del golfo che, come sappiamo, fa parte della caldera del super vulcano Campi Flegrei.


Non sappiamo CHI ha commissionato alla SOPROMAR SPA l'attività di ricerca sismica, né sono noti altri dettagli, né tantomento INGV Osservatorio Vesuviano si è ancora degnato di rispondere alla nostra richiesta scritta. Il fatto è reso ancora più grave da una circostanza: l'area Flegrea interessata dall'operazione, oltre ad essere a livello I di attenzione per evidente anomalìe nei parametri minitorati, è zona marina ad alto interesse ambientale anche per la flora e fauna marina. L'operazione è stata autorizzata, immaginiamo, ma sono stati seguiti tutti gli iter autorizzativi?

Eccovi, comunque, la mappa ed i tragitti della nave responsabile delle esplosioni nel golfo di Pozzuoli:


Troviamo al cosa scadalosa ed inaccettabile. Nessun Ente segnala sui propri portali l'operazione che è di grande portata: come mai?

La portata dell'operazione è ben evidente nel grafico che vi mostriamo tratto dal sito www.marinetraffic.com. La nave sta effettuando delle esplosioni ogni 20 secondi circa per alcune ore al giorno secondo rotte ben determinate e precise. L'inizio delle operazioni è indicato con la sigla ATD ed è datata 26-01-2016. Eccovi le evidenze documentali e mappatura dell'attività di Minerva Uno aggiornata a circa un'ora fa:





05/02/2016 ANOMALIA SEGNALI SISMICI FLEGREI: UN'IPOTESI.
Ore 13.45
Abbiamo analizzato i sismogrammi delle stazioni BACV e STHV. Dalla ubicazione delle stazioni, cadenza, tipologia ed ampiezza di segnale, sembra che la fonte che causa i segnali alle stazioni si sposti in direzione Baia-Pozzuoli e viceversa. Dunque sembra si tratti di una nave, traghetto od altro che a cadenza di 20 secondi circa emette un segnale abbastanza potente da essere registrato dalle due stazioni. Il segnale, complessivamente, ha la durata di circa un'ora, con un picco di alcune decine di minuti. Si ferma e poi riprende ad intensità decrescente a Baia e cresente a Pozzuoli e viceversa.
Sembra dunque, ma il condizionale è d'obbligo, è che si tratti appunto di una fonte "mobile".
Vedremo cosa dirà OV che ancora tace.



04/02/2016 MODIFICA CONVENZIONE  DPC-INGV 2016 : IL DPC, DOPO LE NOSTRE ISTANZE, IMPONE UN TERMINE AD INGV PER IL DEPOSITO DELLA RELAZIONE TECNICA SEMESTRALE.

Incredibile ma vero. Ma cosa più è ormai incredibile in questo "Paese"? Bah!

Occorrevano le Nostre istanze per far comprendere al Dipartimento di protezione civile che forse era il caso di vincolare INGV con un termine per il deposito delle famose rendicontazioni scientifiche, quelle da cui sono emersi tanti ma tanti fatti nuovi e scientifcamente rilevanti di cui abbiamo dato debito conto con news e speciali nel presente sito. Ad oggi le convenzioni annuali (compresa quella del 2015) non prevedevano alcun termine.


Vi forniamo la prova che nel settembre 2015 avevamo richiesto la relazione relativa al primo semestre 2015. E già eravamo stati "buoni" avendo concesso all'INGV ben oltre 90 giorni a far data dal 30 giugno. Ma il DPC ci ha dovuto rispondere dicendo, expressis verbis, che NON era stata consegnata alcuna relazione semestrale. E si badi: la risposta del DPC è datata 16/10/2015!
 
Nei giorni scorsi abbiamo richiesto, ancora una volta, al DPC le relazioni I e II semestre (o finale) 2015. Vedremo cosa e quando ci risponderà.

Il giorno 2 febbraio abbiamo anche contattato via mail INGV NAPOLI Osservatorio Vesuviano chiedendo spiegazioni sulla presunta nanosismicità flegrea: nessuna risposta. Che dire: alla faccia delal trasparenza e divulgazione!

Ma eccovi la prova documentale di quanto affermiamo. Ecco cosa ci risponde il DPC il 16/10/2015:





02/02/2016 DATI DEFINITIVI GENNAIO 2016 VESUVIO - RICHIESTA RENDICONTO SCIENTIFICO INVIATA AL DPC

INGV NAPOLI OV aggiorna il numero terremoti definitivo registrati al Vesuvio nel mese di gennaio. Si tratta di 77 terremoti, 6 frane e 2 eventi classificati come "altro". Vi avevamo parlato, nella giornata di ieri, di un numero da noi stimato di altri 15 eventi circa in aggiunta ai 64 classificati al 26/1/16. In effetti INGV, dal 26 ha classificato altri 11 terremoti, 2 frane e 2 eventi indicati come "altro". Abbiamo aggiornato i grafici in home.

Visto il silenzio del Dipartimento di Protezione Civile su Nostra precedente istanza, si è provveduto ad inoltrare nuova richiesta di accesso alle rendicontazioni semestrali che INGV dovrebbe pubblicare sul sito (ma non fa) e che, a dire il vero, nemmeno il DPC pubblica!
Rammentiamo agli utenti che stralcio delle rendicontazioni scientifiche è disponibile per il download sul nostro sito al seguente link.
Segue elenco terremoti mese di gennaio 2016 Vesuvio per i quali è stato possibile determinare epicentro ed ipocentro (catalogo Plinio INGV NAPOLI Osservatorio Vesuviano http://www.ov.ingv.it).
 
Tempo origine (UTC) Magnitudo Latitudine N Longitudine E Profondità (km)
2016/01/31 23:53:01 0.0 40.8212 14.4287 0.10
2016/01/30 20:04:50 0.2 40.8223 14.4287 0.49
2016/01/30 19:12:03 0.1 40.8198 14.4250 0.19
2016/01/30 13:54:55 0.3 40.8192 14.4248 0.12
2016/01/30 13:06:16 1.2 40.8250 14.4278 0.20
2016/01/29 23:35:12 -0.1 40.8242 14.4292 0.41
2016/01/29 08:06:31 0.1 40.8175 14.4205 0.36
2016/01/28 20:32:23 -0.1 40.8183 14.4317 0.13
2016/01/28 01:05:57 0.0 40.8185 14.4230 0.06
2016/01/27 22:42:58 0.4 40.8175 14.4245 0.26
2016/01/27 18:42:52 -0.2 40.8175 14.4277 0.39
2016/01/27 13:54:33 -0.1 40.8208 14.4342 0.32
2016/01/26 03:45:13 0.8 40.8188 14.4253 0.06
2016/01/25 09:23:07 0.1 40.8207 14.4227 0.53
2016/01/24 17:01:16 0.2 40.8235 14.4260 0.24
2016/01/24 01:45:06 0.3 40.8193 14.4243 0.13
2016/01/23 17:56:53 0.3 40.8172 14.4195 0.06
2016/01/23 15:22:10 0.6 40.8188 14.4310 0.10
2016/01/23 14:43:29 0.1 40.8163 14.4305 0.54
2016/01/23 09:05:52 0.0 40.8190 14.4305 0.06
2016/01/23 06:26:17 0.2 40.8235 14.4255 2.49
2016/01/23 06:20:05 0.3 40.8255 14.4253 1.96
2016/01/23 06:16:40 -0.4 40.8273 14.4268 1.51
2016/01/21 13:26:48 0.2 40.8212 14.4320 0.21
2016/01/21 12:32:25 -0.1 40.8200 14.4245 0.06
2016/01/20 23:40:55 0.5 40.8212 14.4287 0.03
2016/01/20 20:38:09 0.0 40.8210 14.4252 0.08
2016/01/20 18:06:54 -0.2 40.8177 14.4328 0.09
2016/01/20 10:58:23 -0.2 40.8258 14.4298 0.37
2016/01/20 10:56:38 0.2 40.8255 14.4302 0.42
2016/01/20 07:32:22 -0.4 40.8203 14.4288 0.08
2016/01/20 07:31:39 0.5 40.8183 14.4270 0.05
2016/01/20 05:46:40 -0.1 40.8182 14.4330 0.07
2016/01/20 05:35:55 0.6 40.8192 14.4277 0.20
2016/01/19 21:53:20 -0.1 40.8192 14.4305 0.48
2016/01/18 16:24:41 0.2 40.8263 14.4278 0.62
2016/01/18 16:24:26 -0.4 40.8253 14.4307 0.09
2016/01/17 19:41:23 -0.1 40.8188 14.4257 0.09
2016/01/17 17:36:54 -0.1 40.8237 14.4272 0.17
2016/01/17 13:01:57 0.1 40.8232 14.4303 0.26
2016/01/17 06:32:38 -0.1 40.8223 14.4273 0.08
2016/01/17 06:30:12 -0.2 40.8200 14.4252 0.09
2016/01/17 06:28:57 1.1 40.8188 14.4260 0.68
2016/01/17 02:12:27 0.6 40.8215 14.4223 0.29
2016/01/15 10:46:24 -0.2 40.8215 14.4253 0.05
2016/01/14 04:53:45 0.6 40.8192 14.4255 0.08
2016/01/14 01:15:16 0.1 40.8197 14.4257 0.09
2016/01/12 21:30:45 -0.1 40.8182 14.4305 0.10
2016/01/12 19:33:37 -0.1 40.8235 14.4275 0.07
2016/01/12 08:41:56 0.0 40.8237 14.4337 0.10
2016/01/07 12:43:45 0.6 40.8187 14.4238 0.15
2016/01/07 12:33:18 -0.1 40.8238 14.4245 0.21
2016/01/07 11:59:47 0.4 40.8185 14.4283 0.24
2016/01/07 04:46:22 -0.6 40.8212 14.4223 0.10
2016/01/06 10:20:18 -0.2 40.8178 14.4263 0.26
2016/01/05 08:51:03 0.0 40.8222 14.4277 0.10
2016/01/04 18:18:12 -0.2 40.8143 14.4268 1.66
2016/01/04 15:14:05 0.1 40.8238 14.4318 0.35
2016/01/03 18:47:22 0.8 40.8202 14.4313 0.06
2016/01/03 08:36:55 0.8